Batticuore

Nuovi strumenti sviluppati per aiutare i medici a predire il rischio di malattie cardiovascolari

Un nuovo studio condottodai ricercatori della Harvard TH fornisce nuovi potenti strumenti per aiutare i medici di tutto il mondo nel prevedere i lrischio sui 10 anni dei loro pazienti di malattie cardiovascolari (CVD).
I ricercatori hanno prodotto la primaclassifica di rischi in serie per 182 paesi per predire futuri eventi avversi cardiovascolari fatali e non fatali, tra cui infarto e ictus. Questi grafici up-to-date saranno utili in tutto il mondo, ma in particolare nei paesi a basso e medio reddito i quali sono privi di modelli localmente sviluppati per predire il rischio cardiovascolare, e in luoghi in cui l’accesso ai laboratori per esguire esami del sangue è limitato. Parametri tipicamente necessari per misurare i fattori di rischio CVD come zucchero nel sangue e lipidi analisi del sangue.
In precedenza modelli disponibili di rischio e le tabelle erano applicabili solo ad alcuni paesi ad alto reddito. Il set completo delle nuove e calcolatori delle carte di rischio sono disponibili online all’indirizzo http://www.globorisk.org .
Lo studio è stato pubblicato il 23 gennaio 2017 in Lancet Diabetes e Endocrinology.
“Le linee guida nazionali ed internazionali raccomandano che i medici impieghino equazioni di predizione del rischio, di solito sotto forma di mappe per di prevedere come i loro pazienti sono ad alto rischio di malattie cardiache e ictus, e di proporre modifiche nello stile di vita o prescrivere farmaci per ridurre le minacce per la salute. Queste nuove carte di rischio, specificatamente calibrato per ogni paese, rimuovono i principali ostacoli per l’applicazione di strategie basate sul rischio per prevenire le malattie cardiovascolari “, ha detto Goodarz Danaei, professore presso la Harvard Chan School e coautore dello studio.
Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte e disabilità in tutto il mondo, e più di tre quarti delle morti per CVD si verificano nei paesi a basso e medio reddito. Ma identificare quelli ad alto rischio di avere un futuro evento cardiovascolare può essere difficile in molti paesi perché non ci sono analisi affidabili, e perché il calcolo del rischio in genere si basa su misurazioni della glicemia e lipidi che, in contesti poveri di risorse, possono rendere la valutazione troppo costoso o poco pratica.
I ricercatori hanno cercato di fornire modelli di previsione del rischio di CVD orientati verso ogni paese. Hanno sviluppato due modelli: uno che utilizza misurazioni ematiche basate su laboratori, e uno che può essere utilizzato in assenza di bloodwork (un “modello office-based”). Per generare i modelli, i ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti da otto studi a lungo termine negli Stati Uniti e ricalibrati utilizzando i dati sui livelli di fattori di rischio cardiovascolare e tassi di CVD per ciascun paese di destinazione.
Lo studio ha rilevato che, tra il 85% e il 99% del tempo, il modello di predizione del rischio schematico ha funzionato così come quello di laboratorio. Tuttavia, tra i pazienti con diabete, il modello teorico d’ufficio ha sottovalutatob notevolmente il rischio .
Lo studio ha anche scoperto che a 10 anni il rischio di CVD era più basso nei paesi ad alto reddito rispetto a quelli di medio basso reddito. Il più alto rischio di CVD è nei paesi del sud est asiatico centrale e in Europa orientale. Il rischio cardiovascolare varia in modo significativo da un paese all’altro e tra i sessi. Ad esempio, la percentuale di persone in paesi ad alto reddito e ad alto rischio CVD varia dall’% per le donne della Corea del Sud al 42% per gli uomini cechi, e nei paesi a basso e medio reddito compresa tra il 2% in Uganda per entrambi uomini e donne al 13% negli uomini iraniani.
“I nostri risultati suggeriscono che è necessaria un’azione urgente per rafforzare il sistema di assistenza sanitaria di base in molti paesi a basso e medio reddito al fine di rilevare gli individui ad alto rischio di malattia cardiovascolare e di fornire consulenza sullo stile di vita o farmaci per abbassare i pericoli “, ha detto Peter Ueda, assegnista di ricerca post-dottorato presso la Harvard Chan e autore principale dello studio.




Categorie:Batticuore

Con tag:,