Tecno Terapie

Il monitoraggio continuo del glucosio abbassa lo zucchero nel sangue a lungo termine nel diabete di tipo 1

Adv

“Questo è uno dei pochi nuovi trattamenti negli ultimi decenni che riduce significativamente i livelli dello zucchero nel sangue per le persone con diabete di tipo 1, che dipendono da iniezioni di insulina”, osserva Marcus Lind, professore associato di Diabetologia presso il dipartimento di medicina molecolare e clinica, e Primario alla Uddevalla.
Un totale di 161 persone hanno partecipato allo studio, in Svezia, ciascun diabetico tipo 1 ha bisogno di iniezioni di insulina più volte al giorno, al fine di mantenere i propri livelli di zucchero nel sangue sotto controllo.
I soggetti sono stati selezionati a caso in diversi turni per utilizzare attrezzature tradizionali, mediante pungimento del dito almeno quattro volte al giorno allo scopo di misurare i livelli di zucchero, o utilizzare un dispositivo che controlla la glicemia continuamente attraverso un sottile filamento sotto la pelle piantato nell’addome. Un’unità separata tenuta in tasca nella tasca emana segnale acustico o vibra quando il livello dello zucchero è fuori obiettivo/controllo (troppo alto o troppo basso).
Lo studio è durato 16 mesi ed i pazienti hanno utilizzato ogni metodo per un periodo di 6 mesi, con quattro mesi di “periodo di libero” senza trattamento assistito tra ogni turno.
Sostanziale diminuzione
“La questione principale era se ci sarebbe stata una differenza nei livelli medi di zucchero nel sangue Quello che abbiamo visto è che quando i pazienti utilizzavano la misurazione continua dello zucchero nel sangue l’avevano una più bassa. La media dei livelli di zucchero nel sangue è considerata come un fattore significativo nel ridurre il rischio di complicanze con il diabete di tipo 1 “, spiega Marcus Lind.
Il valore dello zucchero nel sangue, misurata utilizzando il marcatore della HbA1c, il quale dà un valore medio nel corso di un periodo di tre mesi, è sceso da cinque millimoli per mole; un salto che può essere considerato una pesante giustificazione per dare maggiore accesso al trattamento.
“Diverse interpretazioni sono state fatte in diversi ospedali in tutto il paese, e queste variano da un paese all’altro. Una zona grigia è stato creata in attesa dell’arrivo di questo tipo di studio a lungo termine”, dice Marcus Lind.
Precedenti studi sulla tecnologia sono stati più concentrati sulla verifica, per periodi più brevi, di valori di zucchero nel sangue prodotti dalla misurazione continua. Il fatto che i livelli di zucchero medi hanno dimostrato di diminuire in realtà è qualcosa che può proteggere il gruppo di pazienti.
“Quando ci sono alti livelli di zucchero nelle cellule, i vari processi biochimici sono attivati ??per aumentare il rischio di danni, soprattutto a nervi e vasi sanguigni. Se si dispone di valori elevati di zucchero per lunghi periodi, ad esempio, la retina, i reni e il cuore possono essere colpiti.  Più alto è il valore tanto più dannoso, motivo per cui questo l’obiettivo raggiunto con il sensore continuo glicemico è così importante “, spiega Marcus Lind.
L’aumento del benessere
Lo studio mostra anche un aumento della soddisfazione per il trattamento e il benessere ricavato. Fattori che sono importanti per sé e anche per migliorare le possibilità di trattamento sul lungo termine.
“E ‘importante come i pazienti sperimentano il trattamento nella loro vita quotidiana in termini di volontà di continuare,., Non deve essere troppo complicato. La qualità della vita e il benessere stanno diventando sempre un elemento chiave nelle linee guida per la cura del diabete”, dice Marcus Lind.



Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: