Ricerca

Studio suggerisce infezioni da enterovirus legati all’autoimmunità che porta al diabete di tipo 1

laboratorio

Una nuova ricerca pubblicata Diabetologia (giornale della Associazione Europea per lo Studio del Diabete [EASD]) evidenzia che i bambini con diabete di tipo 1 hanno una maggiore incidenza di infezioni da enterovirus prima di sperimentare i processi autoimmuni che portano all’esordio della patologia. Lo studio è dei professori Heikki Hyöty e Dr Hanna Honkanen, dell’Università di Tampere, in Finlandia, e colleghi.

Il diabete di tipo 1 è causato da un processo immunomediato che danneggia cellule beta produttrici d’insulina nel pancreas. La fase subclinica della malattia può essere identificata rilevando gli autoanticorpi. Gli enterovirus sono stati collegati al diabete di tipo 1 in studi che mostrano un aumento della frequenza di questi virus nel sangue e pancreas di individui diabetici e autoanticorpi-positivo come in studi che mostrano un aumento della frequenza di anticorpi enterovirus nelle persone con diabete di tipo 1. Tuttavia, questa associazione non è stato vista in tutti gli studi.

In questo nuovo studio, gli autori hanno analizzato se la presenza di enterovirus nelle feci è associata con la comparsa di autoimmunità nell’isolotto nella ricerca su” previsione diabete di tipo 1 e studio sulla sua prevenzione ” in Finlandia. L’attuale studio è il più grande fino ad oggi effettuato, in cui gli enterovirus sono stati analizzati in campioni di feci raccolti nel tempo da bambini che hanno sviluppato i segni di un processo cellulare che danneggia le beta cellule.

Un totale di 1673 campioni di feci da 129 bambini sono tornati positivi per più autoanticorpi insulari e 3108 campioni di feci di 282 bambini di controllo abbinati sono stati sottoposti a screening per la presenza di acido ribonucleico enterovirus (RNA – il materiale genetico trovato nel virus). Complessivamente, 108 infezioni sono state diagnosticate nei 129 casi di bambini e 169 infezioni nei 282 bambini di controllo durante tutto il follow-up (media 0,8 vs 0,6 infezioni per bambino). Questa differenza è stata osservata anche nelle infezioni che si sono verificati prima della comparsa di autoanticorpi (0,6 vs 0,4 infezioni per bambino).

Ulteriori analisi hanno dimostrato che l’eccesso di infezioni nei casi di bambini si è verificato più di 12 mesi prima che il primo campione autoanticorpi-positivo è stato prelevato. Durante questo periodo di tempo, una media di 0,62 infezioni sono stati diagnosticati per bambino rispetto a 0,33 infezioni per bambino di controllo, corrispondenti a 6,3 vs 2,1 infezioni per 10 anni di follow-up. In altre parole, i bambini con il diabete tipo 1 hanno avuto tre volte o più infezioni da enterovirus rispetto ai bambini di controllo.

Gli autori dicono: “. Il presente studio suggerisce che le infezioni da enterovirus nei bambini sono associati con la comparsa di autoanticorpi isolotto con un ritardo di circa 1 anno Questa scoperta supporta le osservazioni precedenti di altri studi prospettici i quali suggeriscono come le infezioni da enterovirus potrebbero svolgere un ruolo nella l’avvio del processo di danneggiamento delle beta. ”

Essi aggiungono che i grandi studi internazionali sono in corso per studiare questa associazione nei diversi paesi e per comprendere i meccanismi che rendono possibile a questi virus di infettare le cellule che producono insulina nel pancreas.

Essi dicono: “Sarà anche importante esplorare la possibilità di creare un vaccino contro questi virus per scoprire se si potrebbe impedire il diabete tipo 1.”