Ricerca Terapie

Prevenire il deterioramento della funzione renale nel diabetico

Adv

Dal momento che la progressione della nefropatia diabetica è difficile da rallentare, molti pazienti con l’invecchiamento e i tanti anni di vita assieme alla patologia devono sottoporsi a dialisi o trapianto di rene. Tuttavia, i ricercatori della Karolinska Institutet sono riusciti a evitare che la funzione renale diabetica si deteriorasse nei topi utilizzando un nuovo metodo di trattamento, e sono fiduciosi che potrebbe essere un possibile percorso terapeutico per gli esseri umani pure. Lo studio è pubblicato sulla rivista Cell Metabolism .
La nefropatia diabetica (o insufficienza renale diabetica) è la ragione più comune per la dialisi. L’indicazione più evidente risiede nella perdita di diverse proteine plasmatiche nelle urine, ma c’è anche la pulizia insufficiente di prodotti di scarto dal sangue, la filtrazione alterata e produzione di urina ridotta. Attualmente ci sono pochi trattamenti disponibili che possono impedire il progressivo deterioramento della funzione renale nei pazienti, che spesso non hanno scelta, e debbono sottoporsi a dialisi o trapianto renale .
E ‘noto da tempo che le persone con nefropatia diabetica hanno un accumulo di gocce lipidiche nei reni, ma gli scienziati non conoscono cosa provoca questo fenomeno o la misura in cui si aggrava la malattia. I ricercatori della Karolinska Institutet in precedenza hanno dimostrato che un particolare fattore di crescita chiamato VEGF-B (fattore di crescita vascolare endoteliale B) controlla l’assorbimento di grassi nei muscoli regolando la capacità del rivestimento delle pareti interne delle cellule dei vasi sanguigni per il trasporto fat oped.
Un farmaco candidato di nuova concezione
Studiando i topi con nefropatia diabetica, la squadra ha ora scoperto una correlazione tra VEGF-B nei reni e il grado di gravità patologica. Quando hanno bloccato l’effetto biologico del VEGF-B nei topi con malattia renale diabetica utilizzando un farmaco candidato di nuova concezione, hanno trovato una diminuzione dei lipidi accumulati nei reni. Successivamente sono riusciti a rendere rispondenti le speciali cellule dell’apparato filtrazione renale chiamate podociti di nuovo per la segnalazione dell’insulina e quindi prevenire un ulteriore deterioramento della funzione renale.
“Abbiamo anche potuto vedere dalle biopsie renali che le persone con diabete e malattie renali anche hanno anche elevatui livelli di VEGF-B,” dice il professor Ulf Eriksson presso il Dipartimento di Biochimica Medica e Biofisica. “Questo suggerisce che il nostro trattamento, con cui si ‘congela’ l’effetto della malattia, potrebbe lavorare sulle persone in modo che esse siano risparmiate dalla dialisi. Ma il farmaco candidato che abbiamo usato deve dimostrare di essere sicuro e libero da inaccettabili effetti collaterali.”
Si spera di estendere il trattamento
I ricercatori ora sperano di estendere il loro concetto di trattamento ad altre malattie renali che causano anche la fuoriuscita di proteine plasmatiche nelle urine.
Dal momento che l’insufficienza renale diabetica è anche un fattore di rischio significativo in gravi malattie cardiovascolari, al professor Eriksson è assegnato il Gran premio della Lung Foundation nel 2012 per le cure cardiache.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: