Educazione Mangiare e bere Ricerca

Pizza, hamburger e simili: Un unico pasto ricco di grassi può danneggiare il metabolismo

Adv

#T1D Aiuta la ricerca invia un SMS al 45541

La proliferazione globale di persone in sovrappeso e obesi, con diabete di tipo 2 è spesso associata con il consumo di grassi saturi. Gli scienziati del Diabetes Center tedesco (Deutsches Diabete-Zentrum, DDZ) e il Centro Helmholtz di Monaco di Baviera (HMGU) hanno scoperto che anche il consumo una tantum di una maggiore quantità di olio di palma riduce la sensibilità del corpo all’insulina e aumenta i depositi di grasso così come i cambiamenti nel metabolismo energetico del fegato. I risultati dello studio forniscono informazioni sui primi cambiamenti nel metabolismo del fegato che in testa portano nel lungo termine alla steatosi epatica nei soggetti sovrappeso così come in quelli con diabete di tipo 2.

In questo numero del Journal of Clinical Investigation, i ricercatori del DZD che lavorano presso il Diabetes Center tedesco, in collaborazione con il Centro Helmholtz di Monaco di Baviera e colleghi dal Portogallo, hanno pubblicato una ricerca scientifica condotta su, uomini sani e sottili, che hanno avuto in un caso una bevanda aromatizzata con olio di palma o un bicchiere d’acqua in un esperimento di controllo. La bevanda olio di palma conteneva una simile quantità di grassi saturi come due cheeseburger con pancetta e una grande porzione di patatine fritte o due pizze al salame. Gli scienziati hanno dimostrato che questo singolo pasto ricco di grassi è sufficiente a ridurre l’azione dell’insulina, ad esempio, causando insulino-resistenza e aumentando il contenuto di grassi del fegato. Inoltre, sono stati dimostrati cambiamenti nel bilancio energetico del fegato. I cambiamenti metabolici osservati sono stati simili ai mutamenti osservati nelle persone con diabete di tipo 2 o steatosi non-alcolica (NAFLD). NAFLD è la più comune malattia del fegato nei paesi industrializzati e associata con l’obesità, la cosiddetta “sindrome metabolica”, ed è associata ad un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Inoltre, NAFLD in fase avanzata può provocare gravi danni al fegato.
“La sorpresa è stata che una singola dose di olio di palma ha un impatto così rapido e diretto sul fegato di una persona sana e la quantità di grasso somministrata ha innescato resistenza all’insulina”, ha spiegato il Prof. Dr. Michael Roden, scienziato, direttore generale e Presidente al DDZ e Centro tedesco per la ricerca del diabete (Deutsches Zentrum für Diabetesforschung, DZD). “Una particolarità del nostro studio è che abbiamo monitorato il metabolismo epatico di persone con una tecnologia prevalentemente non-invasiva, ad esempio mediante spettroscopia da risonanza magnetica. Questo ci consente di monitorare lo stoccaggio di zuccheri e grassi nonché il metabolismo energetico dei mitocondri (centrali elettriche della cellula). ” Grazie ai nuovi metodi di ricerca, gli scienziati hanno potuto verificare che l’assunzione di olio di palma influisce sull’attività metabolica dei muscoli, fegato e tessuto adiposo. L’insulino-resistenza indotta porta ad un aumento nella nuova formazione di zucchero nel fegato con una concomitante diminuzione dell’assorbimento del glucosio nei muscoli scheletrici – un meccanismo che fa aumentare il livello della glicemia nelle persone affette da diabete di tipo 2 nelle sue fasi preliminari. Inoltre, l’insulino-resistenza del tessuto adiposo provoca un aumento del rilascio dei grassi nel flusso sanguigno, che a sua volta continua a promuovere la resistenza all’insulina. La maggiore disponibilità di grasso porta ad un aumento del carico di lavoro per i mitocondri, che possono a lungo termine affaticare queste centrali elettriche cellulari e contribuire alla nascita steatosi epatica.
Il team del Prof. Roden sospetta che le persone sane, a seconda della predisposizione genetica, possono gestire facilmente questo impatto diretto dei cibi grassi sul metabolismo. Le conseguenze a lungo termine per i mangiatori regolari di tali pasti ad alto contenuto di grassi possono essere molto più problematiche però.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: