Reni

Decodificata la nefropatia diabetica: nuove strade per la diagnosi e il suo trattamento

Il diabete è una delle principali cause di malattia renale, una grave, complicanza spesso fatale che è difficile da diagnosticare nei primi mesi, potenzialmente curabili. Ora, un gruppo di ricerca presso la Facoltà di Medicina Icahn al Mount Sinai ha rivelato le vie biologiche coinvolte nella nefropatia diabetica, fornendo speranza che entrambi i test di diagnosi precoce e trattamento mirato possano essere progettati.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica dell’ADA Diabetes, mostra che lo stress ossidativo nei “centrali” all’interno di una popolazione di cellule renali altera progressivamente la capacità degli organi a forma di fagiolo a filtrare i rifiuti del sangue e produrre urina. Il team di ricerca ha anche scoperto un recettore cellulare che può essere bloccato per modulare tale reazione di stress. Il blocco del recettore ha salvato i reni nei topi geneticamente destinati a sviluppare insufficienza renale diabetica.
Circa il 30 per cento dei pazienti con diabete di tipo 1 (esordio giovanile) e dal 10 al 40 per cento di quelli con diabete tipo 2 (esordio adulto)  alla fine soffre di insufficienza renale, secondo la National Kidney Foundation. Quando ciò accade, i pazienti devono rivolgersi a dialisi o trapianto di rene , se disponibile, e comunque con una riduzione delle aspettative di vita del 30%.
“La nefropatia diabetica è una delle principali cause di morte nei pazienti diabetici”, spiega il capo dello studio di alto livello, Ilse S. Daehn, PhD, professore assistente di Nefrologia presso la Facoltà di Medicina Icahn al Monte Sinai. “I nostri risultati aprono nuove opportunità diagnostiche per la diagnosi precoce e potenziali strategie terapeutiche per la protezione contro ulteriori danni renali nei pazienti.”
I risultati dello studio essenzialmente offrono un “cambiamento di paradigma fondamentale nella nostra comprensione dello sviluppo e trattamento della nefropatia diabetica,” dice il Dott Daehn.
Gli investigatori sono concentrati sui corpi glomerulo-globulari del rene, pieni di capillari e altre strutture, che servono come il primo stadio e l’unità chiave nella filtrazione del sangue per i prodotti di scarto espulsi nelle urine.
Il gruppo di ricerca ha studiato tre tipi di cellule diverse che interagiscono all’interno del glomerulo, utilizzando due gruppi di topi. Un gruppo sviluppa naturalmente la nefropatia diabetica e l’altro gruppo è naturalmente resistente alla malattia.
Essi hanno scoperto che nei topi inclini a malattie renali, le cellule endoteliali sono state colpite. In queste cellule wafer-like, che formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni, le subunità mitocondri-cellulare che agiscono come centrali elettriche, produttrici di energia, vengono sollecitate, e quindi fatte quantità in eccesso di specie reattive dell’ossigeno (ROS). Si tratta di molecole che hanno un ruolo importante nella cella di segnalazione, ma, quando sovraprodotte, possono danneggiare le proteine ??cellulari e il DNA.
Questo processo inizia a distruggere i podociti, le cellule che avvolgono e lavorano con i capillari e gli altri tipi di cellule del glomerulo. Il glomerulo alla fine diventa fragile, il collasso dei capillari, porta alla perdita dei reni, allo spargimento di proteine ??essenziali del corpo. il danno progressivo sviluppa l’insufficienza renale, con conseguente malattia renale allo stadio terminale.
Il team di ricerca è stato in grado di misurare, nei topi suscettibili, le molecole legate all’eccesso di ROS, suggerendo che un biomarcatore potrebbe essere sviluppato così da segnalare lo sviluppo precoce della malattia renale negli esseri umani. E sapendo che ROS in eccesso porta alla malattia renale implica come gli agenti, i quali raccolgono le molecole ROS all’interno del rene, potrebbero fornire una potenziale terapia, il dottor Daehn dice.
Gli investigatori poi hanno cercato i regolatori “a monte” dello stress mitocondriale all’interno del endotelio nel glomerulo e scoperto un percorso che aiuta a gestire questo stress ossidativo. Questo percorso ha prodotto una quantità in eccesso di un recettore cellulare, endotelio recettore-A, così come la ligando-proteina che si lega al recettore.
Questa scoperta comporta che una piccola molecola blocca il ligando il quale si lega al suo recettore, e potrebbe comprimere la produzione di mitocondriale di ROS, in tal modo arrestando i danni al glomerulo, il Dott Daehn dice.
I ricercatori hanno utilizzato una piccola molecola sperimentale, BQ-123, per bloccare specificamente questo recettore e scoperto come i topi destinati a sviluppare nefropatia diabetica sono stati risparmiati dalla malattia.
I ricercatori hanno testato la loro ipotesi, cercando i riscontri dalle biopsie nelle urine e reni di pazienti con nefropatia diabetica. Hanno trovato molecole nelle urine legate allo stress ossidativo e rapida progressione della malattia, e le biopsie che hanno mostrato un aumento dei danni al DNA mitocondriale e aumentato nell’espressione dell’endotelio recettore-A.
“Questi risultati in campioni umani dopo un lungo cammino dimostrano le nostre ipotesi, il che è interessante perché rappresenta una nuova strada nella comprensione e trattamento della nefropatia diabetica,” dice il Dott Daehn.