Complicanze varie/eventuali

Studio: Due terzi dei medici non conoscono una complicanza del piede correlata al diabete

#T1D Aiuta la ricerca invia un SMS al 45541

Il diabete può avere diverse complicazioni, tra cui un effetto collaterale comune: i danni al piede. Anche se alcuni tipi sono comuni, altri sono più rari.

Tra le condizioni meno notw c’è la neuroartropatia di Charcot.

“Si tratta di una rara condizione del piede che può causare notevoli deformità, disabilità e portare a ulcere e infezioni che, se non vengono catturate nelle prime fasi del processo di malattia”, spiega Brian Schmidt, DPM, istruttore clinico in medicina interna e membro del team di podologia alla Michigan Medicine.

Comunemente noto come piede e/o alla caviglia di Charcot, gli effetti possono essere debilitanti.

“Le articolazioni del piede si abbattono, con frattura e lussazione, il che porta a una dura, rocciosa deformità della base del piede nel corso del tempo”, dice Schmidt. “Le persone con neuropatia periferica sono a rischio di sviluppare questa condizione, e oggi questa complicanza è più frequente nei pazienti con diabete mellito . Tuttavia, tutti i pazienti con neuropatia periferica sono a rischio.”

Molti medici, tuttavia, non sanno muoversi con prontezza sulla questione.

Schmidt è l’autore principale di un nuovo studio, pubblicato su Diabetes Clinical e Endocrinology, che hanno studiato quanto i medici non specialisti del piede conoscono la condizione, nel tentativo di capire come mettere a fuoco meglio i futuri forum educativi sul tema.

Dei 400 medici specialisti endocrinologi, di medicina interna e medici di famiglia che hanno risposto a un sondaggio, più di due terzi degli intervistati, il 67,6 per cento ha descritto di avere una cattiva o totale mancanza di conoscenza circa  la neuroartropatia di Charcot. I ricercatori hanno anche studiato come i medici si comunicano nel trattare la condizione se la incontrano.