Batticuore

I benefici dell’attività fisica possono superare l’impatto dell’obesità sulla malattia cardiovascolare

I benefici dell’attività fisica possono superare l’impatto del sovrappeso e dell’obesità sulle malattie cardiovascolari nelle persone di mezza età e anziane, secondo la ricerca pubblicata oggi nel Journal of Preventive Cardiology. Lo studio osservazionale è stato condotto in più di 5.000 persone di età compresa tra 55 anni e più che seguiti per 15 anni.

“Sovrappeso e obesità sono associati ad un più alto rischio di malattie cardiovascolari e si consiglia di perdere peso,” ha detto l’autore il Dott Klodian Dhana, un ricercatore post-dottorato presso il Dipartimento di Epidemiologia, Erasmus University Medical Centre, Rotterdam, Paesi Bassi. “Ma negli anziani questo è un po’ diverso, perché la perdita di peso, in particolare non intenzionale, è associata al calo di massa muscolare e la morte.”

“L’attività fisica è associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari, indipendentemente dall’età”, ha continuato. “Abbiamo studiato l’effetto combinato di indice di massa corporea (BMI) e attività fisica sulle malattie cardiovascolari in età tra la popolazione di mezza età e anziana.”

Lo studio ha incluso 5.344 soggetti di età compresa tra i 55 ei 97 anni di età (media 70 anni) che hanno partecipato al Rotterdam Study ed senza malattia cardiovascolare al basale. Informazioni su BMI, attività fisica, fumo, alcol, dieta, istruzione, e storia familiare di infarto precoce sono stati raccolti durante il periodo di iscrizione nel 1997-2001.

I partecipanti sono stati classificati in base al BMI: peso normale (18,5-24,9 kg / m2), sovrappeso (25-29,9 kg / m2) e obesi (> 30 kg / m2); e l’attività fisica (bassa/alta), che era al di sotto e al di sopra della mediana nella popolazione in studio. Il gruppo è stato seguito nell’arco di tempo 1997-2012 per eventi cardiovascolari (infarto e ictus).

Durante i 15 anni di follow-up, il 16% dei partecipanti ha avuto un evento cardiovascolare. Quando analizzata da sola, l’attività fisica è stata associata con una diminuzione del rischio di malattie cardiovascolari indipendentemente dalla categoria di BMI. Non c’era alcuna associazione tra BMI e malattie cardiovascolari da sole.

“Nella popolazione generale abbiamo riscontrato che l’attività fisica è protettiva per il rischio cardiovascolare “, ha detto il dottor Dhana. “I partecipanti in sovrappeso e obese non erano ad aumentato rischio cardiovascolare rispetto a quelle di peso normale. Noi non rifiutiamo il rischio associato con l’obesità nella popolazione generale, anche se non abbiamo trovato questo nel gruppo più anziano. BMI non può essere il modo migliore per misurare il rischio di adiposità negli anziani. ”

I ricercatori hanno analizzato l’effetto congiunto di attività fisica e indice di massa corporea. Rispetto al  peso normale le persone con alti livelli fisici di attività (l’ideale), soggetti in sovrappeso o obesi con alti livelli di attività fisica che non erano ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari, ma le persone in sovrappeso o obesi con bassi livelli di attività fisica aveva 1,33 e 1,35 volte un più alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, rispettivamente.

“I nostri risultati mostrano che l’attività fisica svolge un ruolo fondamentale nella salute di mezza età e per le persone anziane”, ha detto il dottor Dhana. “Coloro che sono in sovrappeso e obesi senza un’adeguata attività fisica restano a più alto rischio di sviluppo di malattie cardiovascolari.”

Il sovrappeso e l’obesità esercitano effetti nocivi attraverso il tessuto adiposo, che accelera il processo aterosclerotico e aumenta il rischio cardiovascolare. L’attività fisica riduce gli effetti dannosi di aterosclerosi riducendo la stabilizzazione delle placche sui vasi sanguigni e diminuendo la domanda di ossigeno del cuore.

“Le persone che si impegnano in alti livelli di attività fisica sono protetti dagli effetti nocivi del tessuto adiposo sulle malattie cardiovascolari”, ha detto il dottor Dhana. “Questo può essere il motivo per cui abbiamo scoperto che l’impatto positivo della attività fisica sulle malattie cardiovascolari supera l’impatto negativo del BMI.”

“Le linee guida europee raccomandano 150 minuti a settimana di moderata intensità dell’attività fisica per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.”

Massimo F. Piepoli et al. 2016 Linee guida europee per la prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica, Journal European Heart