Terapie

Le differenze di rischio aritmico tra ipoglicemia notturna e diurna nei giovani diabetici di tipo 1

#T1D Aiuta la ricerca invia un SMS al 45541

Per i giovani adulti con diabete di tipo 1, ci sono differenze di rischio aritmico e ripolarizzazione cardiaca durante una ipoglicemia notturna e rispetto a una diurna, secondo uno studio pubblicato online il 17 febbraio in Diabetes Care .
Peter Novodvorsky, presso l’Università di Sheffield, nel Regno Unito, e colleghi hanno esaminato l’effetto dell’ipoglicemia clinica notturna e diurna su elettrocardiogramma (ECG) in 37 soggetti con diabete tipo 1. I partecipanti sono stati sottoposti a 96 ore di simultanea ECG ambulatoriale e monitoraggio continuo del glucosio per via interstiziale (CGM).
I ricercatori hanno ottenuto 2.395 ore di registrazioni ECG e CGM simultanei: 159 delle 1.355 ore sono stati designate in ipoglicemia e euglicemia. La durata mediana dell’ipoglicemia è stato più lunga durante la notte che durante il giorno (60 contro 44 minuti; p = 0,020). Nel complesso, il 24,1 e il 51,0 per cento degli episodi notturni e diurni, rispettivamente, sono stati sintomatici. Rispetto all’abbinamento con euglicemia, la bradicardia era più frequente durante l’ipoglicemia notturna (rate ratio di incidenza [IRR], 6,44; 95 per cento intervallo di confidenza [IC], 6,26-6,66; p <0.001). La bradicardia è stata meno frequente durante l’ipoglicemia diurna (IRR, 0.023; 95 per cento CI, 0,002-0,26; P = 0,002), mentre ectopici atriali erano più frequenti (IRR, 2.29; 95 per cento CI, 1,19-4,39; P = 0,013). Durante l’ipoglicemia notturna e diurna non è stata prolungato QTc, T-picco T-end durata dell’intervallo, e diminuzione dell’onda T simmetria.
“I nostri dati forniscono ulteriori prove che l’ipoglicemia è pro aritmogenesi ovvero promuove lo sviluppo o la comparsa di aritmia ,” scrivono gli autori.
Un autore ha divulgate legami finanziari con l’industria farmaceutica.