Diritti e rovesci

Il diabete non è una malattia di serie B


Le persone con diabete in tutto il mondo devono affrontare un nemico comune: la discriminazione. Per molti uomini, donne e bambini, una diagnosi di diabete segna la fine della normalità e l’inizio di esclusione sociale. Dobbiamo cambiare questo.
Milioni di persone che vivono con la malattia hanno dimostrato una enorme forza e resistenza alla discriminazione, allo stesso tempo, affrontando le complesse sfide fisiche ed emotive poste da questa malattia. L’International Diabetes Federation (IDF) ha pubblicato un documento di riferimento nel 2011 – la Carta Internazionale dei diritti e delle responsabilità della persona con diabete – che ha individuato tre diritti fondamentali:
Il diritto alle cure.

Pubblicità e progresso

Il diritto all’informazione e all’educazione sul diabete.

Il diritto alla giustizia sociale.

IDF riconosce le battaglie instancabili affrontate dalle persone con diabete nei luoghi di lavoro, nelle comunità locali e nello svolgimento dei compiti nella loro vita quotidiana a causa di leggi discriminatorie.
Le storie provengono dalle nostre associazioni e membri, giovani leader nel diabete. Le loro forti testimonianze non solo rivelano la discriminazione e la stigmatizzazione affrontata da persone con diabete, ma il ruolo basilare dei diritti fondamentali di cui sopra che svolgono nel garantire alle persone con diabete di poter vivere una vita piena e attiva.
Aumentare l’educazione del diabete e la sensibilizzazione in tutto il mondo, è la visione di IDF per prevenire e porre fine alla discriminazione e la stigmatizzazione del diabete in tutte le sue forme. Vi invitiamo a scoprire queste storie toccanti con noi e condividere ampiamente.
Il diritto alla cura

Il diritto all’informazione e all’educazione sul diabete

Il diritto alla giustizia sociale