Batticuore

Rischio elevato di mortalità con diabete e scompenso cardiaco cronico

Gli adulti con insufficienza cardiaca cronica e diabete hanno maggiori rischi per tutte le cause di. morte cardiovascolare e di ospedalizzazione per peggioramento dell’insufficienza cardiaca rispetto agli adulti con insufficienza cardiaca cronica senza diabete, secondo i risultati pubblicati sulla rivista per ricercatori e medici Diabetes Care

“L’insufficienza cardiaca e diabete sono due condizioni cliniche croniche e progressive che condividono il privilegio triste di diventare sempre più comuni in tutto il mondo,” Marco Dauriz, MD, PhD, professore assistente nella divisione di Endocrinologia, Diabete e il Metabolismo, Dipartimento di MMedicina Generale presso l’Università di Verona Facoltà di Medicina e Ospedaliera di Verona in Italia, uno dei massimi esperti in questo campo a livello europeo e mondiale ha riportato nello studio. “In questo lavoro, abbiamo dimostrato che la prevalenza del diabete è sproporzionatamente elevata nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica, e che il diabete di per sé comporta un notevole aumento del rischio a 1 anno di tutte le cause di morte, La  morte per cause cardiovascolari (CVD) e ospedalizzazione per peggioramento dell’insufficienza cardiaca, indipendentemente da molteplici fattori di rischio cardiometabolico. In particolare, tra i pazienti con insufficienza cardiaca con misurazioni di HbA1c disponibili, un più scarso controllo glicemico al basale hanno evidenziato una significativa e indipendente associazione , con un aumento del rischio di esiti avversi di sopravvivenza a 1 anno “.

Dauriz e colleghi hanno valutato i dati dell’Associazione europea di cardiologia e Heart Failure Association a lungo termine dal Registro di sistema su 9.428 pazienti ambulatoriali (71,5% uomini) con insufficienza cardiaca cronica per determinare l’effetto del diabete sugli esiti avversi 1 anno.

Nel complesso, il 36,5% dei partecipanti aveva il diabete. Nel corso di 1 anno di follow-up, l’8% dei partecipanti è morto; 394 morti erano dovute a cause cardiovascolari, e 1.030 primi ricoveri erano per peggioramento dell’insufficienza cardiaca.

Rispetto ai partecipanti senza diabete, quelli con diabete hanno tassi più alti per tutte le cause di morte (9,4% vs. 7,2%), CVD morte (4,8% vs. 3,8%) e prima ospedalizzazione per peggioramento dell’insufficienza cardiaca (13,8% contro 9,3% ; P = .017 a <.001 per le differenze tra i gruppi).

I rischi per tutte le cause di morte (HR aggiustato = 1.28; 95% CI, 1,07-1,54) e CVD di morte (HR aggiustato = 1.28; 95% CI, 0,99-1,66) erano più alti di quasi il 30% nei soggetti con diabete rispetto a coloro senza la malattia, e il rischio di prima ospedalizzazione per peggioramento dell’insufficienza cardiaca era anche più alto (HR aggiustato = 1.37; 95% CI, 1,17-1,6).

“I nostri dati sostengono una maggiore consapevolezza da parte del clinico cardiologo, endocrinologo e medico di base sul significato prognostico negativo del diabete e del controllo glicemico in pazienti con insufficienza cardiaca cronica e puntano sulla necessità di terapie che migliorino i risultati di sopravvivenza in questa popolazione ad alto rischio , “ha detto Dauriz. “Si prevede che l’identificazione precoce del diabete nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica potrebbe derivare da un approccio multidisciplinare volto a fornire il trattamento farmacologico più adeguato alla luce di un riconoscimento tempestivo della multimorbilità”.




Categorie:Batticuore

Con tag:,