Batticuore

La combinazione di strumenti a punteggio di rischio migliora la previsione ictus per i pazienti con fibrillazione atriale

La combinazione di due misure di rischio indipendenti, scientificamente provate permette ai medici di predire meglio il rischio di ictus o di morte con una fibrillazione atriale del paziente. Gli strumenti anche aiutano a determinare la necessità di anticoagulanti nel trattamento, secondo una nuova ricerca effettuata dai ricercatori presso l’Heart Medical Center Institute Intermountain a Salt Lake City.

Gli anticoagulanti sono utilizzati per prevenire l’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale. Ma fluidificanti del sangue come il Warfarin sono più complicati da gestire e fanno aumentare il rischio di sanguinamento incontrollato.

I ricercatori hanno combinato lo strumento comunemente usato CHA2DS2-VASc uno strumento ampiamente validato – Intermountain Mortality Risk Score – per migliorare le previsioni di ictus e la mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale e fornire un approccio più individualizzato alle esigenze di un paziente per i fluidificanti del sangue come parte del trattamento .

I risultati dello studio saranno presentati durante la Sessione Scientifica 2017 di Cardiologia a Washington DC dell’American College Sabato 18 Marzo.

“Il punteggio CHA2DS2-VASc non è molto predittivo dei risultati, ma è facile da usare e così è servito come guida per aiutare a calcolare il rischio di ictus per molti anni”, ha detto Benjamin Horne, PhD, autore principale dello studio e ricercatore presso il Medical Heart Institute Center Intermountain. “Ma ci sono molte variabili non contabilizzati nel punteggio CHA2DS2-VASc, così combinandole con l’Intermountain Mortality Risk Score fornisce uno strumento predittivo più completa per i medici.”

Il punteggio CHA2DS2-VASc è una linea guida internazionale, facile da usare per determinare il bisogno di un paziente di anticoagulante. I punti vengono aggiunti in base a età, sesso, storia di ictus, ipertensione, insufficienza cardiaca o diabete. Un paziente con fibrillazione atriale con un punteggio di 2 o più è posto sui fluidificanti del sangue.

l’Intermountain Mortality Risk Score si basa sui valori di laboratorio di solito raccolti da un paziente – un esame emocromocitometrico completo e il profilo metabolico di base – e la sincronizzazione automatica alla cartella clinica elettronica del paziente in modo che i medici hanno il punteggio prontamente disponibile.

“Uno dei maggiori problemi con il punteggio CHA2DS2-VASc è la sua semplicità”, ha detto il dottor Horne. “Per esempio, una donna con fibrillazione atriale che ha più di 65 anni sarebbe automaticamente posizionata sui fluidificanti del sangue. Si ottiene un punto per avere più di 65 anni e un altro per essere una donna. Ma questi due fattori da soli non forniscono un quadro completo della suo rischio di ictus “.

Nello studio, i ricercatori hanno trovato che il Intermountain Mortality Risk Score offre una scala più accurata da basso ad alto rischio nei pazienti con un punteggio CHA2DS2-VASc di 2, così da fornire ai medici una guida migliore per determinare se un anticoagulante è giusto per il loro paziente.