Complicanze varie/eventuali

Ci metto bocca

Il 20 marzo si celebra la Giornata Mondiale della Salute Orale. La scarsa igiene orale è ancora oggi un problema capillarmente diffuso: secondo le stime del settore circa il 90% della popolazione mondiale soffre di qualche patologia della bocca o dei denti e solo il 60% alle cure mediche dedicate. Nonostante i miglioramenti degli ultimi decenni rispetto alla salute orale, sono più diffusi i problemi legati al consumo di prodotto dolciari. La buona notizia è però che le patologie inerenti la salute orale sarebbero ampiamente evitabili. Per questo la giornata anno dopo anno rafforza l’appello a favore di pratiche di prevenzione. Come raccomandano le organizzazioni dei dentisti italiani, la prima linea di prevenzione consiste nel lavarsi i denti minimo due volte al giorno con un dentifricio al fluoro ed effettuare check-up regolari due volte l’anno. Infatti un gran numero dei disturbi della bocca e dei denti si può agevolmente prevenire con una costante routine dell’igiene orale.

Oggi 20 marzo è dedicato alla Giornata Mondiale per la Salute Orale: denti, gengive e molto altro ancora. La parodontite può essere un segno precoce di diabete di tipo 2, lo rivela la ricerca pubblicata sulla rivista online BMJ Open Diabetes Research & Care .

Pubblicità e progresso

Lo screening dei pazienti che fanno visita al loro dentista per il trattamento di gravi malattie gengivali, e cercare di allontanare le complicazioni associate al diabete di lunga data, sarebbe possibile e utile, suggeriscono i ricercatori.

Le loro conclusioni si basano su 313 persone prevalentemente di mezza età che hanno frequentano una clinica odontoiatrica universitaria: 109 non avevano malattia alle gengive, 126 le tenevano da lievi a moderate, e 78 erano gravi, nella forma che va a colpire le strutture di supporto dei denti.

Il peso era significativamente più alto nei pazienti con malattie gengivali gravi: avevano un BMI medio di 27 o superiore. Ma altri fattori di rischio per il diabete, tra cui l’ipertensione e livelli elevati di colesterolo, erano simili tra tutti e tre i gruppi.

E le persone con lieve o moderata parodontite hanno avuto anche più parenti con diabete rispetto a ai senza.

Poco meno del 3% di quelli senza la gengivite era già con diabete tipo 2 diagnosticato; questo era anche il caso del 4% di coloro con lieve o moderata condizione, e per quasi l’8% di quelli con la forma grave.

I valori HbA1c, che misurano il livello medio di zucchero nel sangue lungo gli ultimi 2-3 mesi, sono stati ottenuti analizzando le macchie di sangue essiccato, campionate da ciascuno dei partecipanti allo studio, utilizzando un test con puntura sul dito.

Un valore di HbA1c di  5,7 – 6,4% è considerato indicatore di ‘pre-diabete’, mentre valori superiori sono diabete.

L’analisi delle macchie di sangue essiccato ha mostrato che i valori di HbA1c sono più alti nei soggetti con la forma più grave di gengivite.

Il valore medio HbA1C era del 6,3%, rispetto al 6,1% in quelli con lieve a moderata parodontite e 5,7% in quelli senza. Le persone con gengivite e sospetto diabete (23% e 14%, rispettivamente) e pre-diabete (47% e 46%, rispettivamente) erano significativamente sopra rappresentati tra quelli con malattie gengivali gravi e da lieve a moderata.

Si tratta di uno studio osservazionale e nessune conclusioni definitive possono essere tratte circa causa ed effetto, ma i ricercatori hanno comunque dire: “Questo conferma l’ipotesi che la parodontite più grave potrebbe essere un segno precoce di diabete non diagnosticato ”

Si suggerisce come sarebbe fattibile lo screening per il diabete non diagnosticato nei studi dentistici, concentrandosi sulle persone con la forma più grave di gengivite.

Una diagnosi precoce di diabete e pre-diabete è essenziale per cercare di contrastare le sue complicanze associate, aggiungono. “La diagnosi precoce e l’intervento del diabete (pre) impediscono l’esordio dei danni comuni a livello micro vascolare e le complicanze vascolari macro, inoltre sono convenienti”, scrivono.

Inoltre, la diagnosi precoce e il trattamento del diabete potrebbe anche aiutare a scongiurare il rischio della perdita dei denti che è associato con malattie gengivali gravi di lunga data e non trattate, hanno aggiunto.