Batticuore

Hai davvero la pressione alta?

Pubblicità

Uno studio condotto da ricercatori presso l’Università di Montreal Hospital Research Centre (CRCHUM) mostra che più della metà dei medici di famiglia in Canada sta ancora utilizzando dispositivi manuali per misurare la pressione del sangue, una tecnologia datata che spesso porta a diagnosi errate .

“Circa il 20% delle persone in trattamento per l’ipertensione in realtà non hanno un problema e bisogno di farmaci. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la loro pressione sanguigna è stata misurata in modo non corretto”, ha detto l’autore Janusz Kaczorowski, il cui studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista canadese Family Physician.

Pubblicità

Kaczorowski, un medico sociologo, è un ricercatore CRCHUM e professore presso il Dipartimento Famiglia e medicina d’urgenza all’Université de Montréal.

La propria pressione sanguigna presa nel corso di una visita dal medico è una procedura di routine, fornisce inoltre dati medici cruciali. In Canada, un adulto su cinque soffre di ipertensione, il che rappresenta il maggior fattore di rischio globale di morte e disabilità.

La pressione sanguigna è definita come lo schiacciamento che il sangue esercita sulle pareti delle arterie. Misurato l’arteria del braccio, si esprime in due numeri: il valore di quando il cuore si contrae (pressione sistolica) e il valore di quando il cuore si rilassa tra due contrazioni (pressione arteriosa diastolica). La pressione sanguigna è considerato normale quando la sistolica è inferiore a 140 mmHg e la diastolica è inferiore a 90 mmHg. Sopra questi valori, una persona si dice che abbia la pressione alta (ipertensione).

La tecnologia alla base è costituita da tensiometri o sfigmomanometri, i dispositivi utilizzati per misurare la pressione del sangue, cambiato molto nel corso degli ultimi 20 anni. Oggi, sono disponibili i dispositivi elettronici di misurazione automatica, detti oscillometrici. Nel 2016, le linee guida The Canadian Hypertension Education Program (CHEP) raccomandano che la misurazione elettronica è preferibile alla manuale.

Un numero crescente di cliniche mediche sono dotati di dispositivi elettronici automatici. Eppure, nella primavera del 2016, la squadra di Kaczorowski ha condotto un sondaggio tra i medici di famiglia canadesi: il 52% degli 769 intervistati ha indicato che usava un tensiometro manuale per misurare la pressione sanguigna. Solo il 43% utilizzava un dispositivo automatico.

“I medici dovrebbero utilizzare i dispositivi automatici”, ha detto Kaczorowski. “Essi sono più costosi ma più preciso perché prendono diverse misure. La misura manuale è accettabile se è fatta correttamente, ma non è spesso il caso. Per misurare la pressione nel modo giusto, è necessario un periodo da 12 a 15 minuti. Dobbiamo sapere che la visita media a un medico di famiglia dura 10 minuti. Dobbiamo ripensare il modo in cui le visite del paziente sono organizzate in modo che lo stesso possa essere lasciato solo in una stanza, mentre viene eseguita la misura.”

La misurazione automatizzata ha il vantaggio di eliminare ciò che è noto come sindrome da camice bianco, che si riferisce all’alta pressione del sangue artificialmente derivante dallo stress di essere in uno studio medico e l’interazione umana. I ricercatori ritengono che i medici dovrebbero adottare questi dispositivi per rilevare gli individui con probabilità di soffrire di pressione alta, in conformità con le linee guida canadesi.

In Canada, i costi sanitari attribuibili all’ipertensione sono stati valutati a più di $ 13 miliardi nel 2010. “Se le persone che assumono farmaci per l’alta pressione del sangue l’avessero misurata in modo non corretto, le implicazioni finanziarie sarebbero notevoli, oltre agli effetti collaterali, che potrebbe essere evitati”, ha detto Kaczorowski.

Le linee guida CHEP affermano che modificare i comportamenti relativi alla salute è un modo efficace di prevenzione e trattamento dell’ipertensione e per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. È possibile abbassare la pressione sanguigna attraverso una dieta sana, attività fisica regolare, il consumo moderato di alcol, ridotto apporto di sodio nella dieta, evitare l’esposizione ai prodotti del tabacco, e la gestione dello stress.