Batticuore

Diabete Tipo 1: Le principali anomalie su ECG legate a rischio di malattie cardiovascolari

Le principali anomalie su un elettrocardiogramma possono essere utili per predire lo sviluppo di malattie cardiovascolari negli adulti con diabete di tipo 1, secondo i risultati pubblicati in Diabetes Care.

Elsayed Z. Soliman, MD, del Cardiology Research Center, dipartimento di epidemiologia e prevenzione e di medicina, sezione di cardiologia, alla Wake Forest School of Medicine di Winston-Salem, North Carolina, e colleghi hanno valutato i dati Diabetes Control and Complications Trial/Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications (DCCT/EDIC) su 1.306 adulti (età media, 35,5 anni) con diabete di tipo 1 per determinare la prevalenza e l’incidenza di anomalie ECG con lo sviluppo di malattie cardiovascolari . Il follow-up è durato 19 anni.

La classificazione del Codice Minnesota ECG è stato utilizzato per definire le anomalie ECG come maggiore, minore o nessuna. Prima insorgenza di infarto miocardico, ictus,  conferma angina, rivascolarizzazione coronarica, insufficienza cardiaca congestizia o morte per qualsiasi malattia cardiovascolare sono stati utilizzati per definire gli eventi cardiovascolari.

Attraverso il follow-up, l’11,9% dei partecipanti ha sviluppato eventi cardiovascolari per un’incidenza del 46,8 in 10.000 persone-anno. La maggior parte degli eventi sono stati non-fatali (n = 148) e incluso 34 partecipanti con MI clinica, 38 con silenziosa MI, 16 con angina pectoris confermata, 39 con rivascolarizzazione coronarica, tre con insufficienza cardiaca congestizia e 18 con ictus. Sette eventi sono stati fatali e inclusi due partecipanti con morte improvvisa. (MI = Marker Incidence)

Il rischio di un evento cardiovascolare è stata aumentata più di 2,5 volte con la presenza di una qualsiasi grande anomalia dell’ECG a fronte di nessuna anomalia / ECG normale (HR = 2.67; 95% CI, 1,62-4,4) o nessuna importante anomalia (HR = 2.57; 95 % CI, 1,72-3,84). Nel modello corretto integralmente, ogni visita (anno) in cui è stata ottenuta una diagnosi di una grave anomalia ECG ha aumentato il rischio di CVD del 30% (HR = 1,3; 95% CI, 1,14-1,48).

“La presenza di anomalie ECG importanti nel corso del diabete di tipo 1 è associato ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari”, hanno scritto i ricercatori. “Identificare marcatori di rischio/predittori quali anomalie elettrocardiografiche nel diabete di tipo 1 possono aiutare a guidare i futuri sforzi verso lo sviluppo di strumenti di stratificazione del rischio per individuare coloro i quali possono trarre beneficio da un più stretto  follow-up e precedenti, più aggressivi fattori di rischio.”

Pertanto ogni anno teniamo a mente di fare il controllo ECG e farcelo prescrivere dal nostro diabetologo e/o medico di famiglia: fa parte della routine del follow-up nel paziente diabetico come già ripreso in altri articoli qui su Il Mio Diabete.