Mangiare

Il consumo di legumi associato a un minor rischio di diabete tipo 2

Legumi sono un gruppo alimentare ricco di vitamine del gruppo B, contiene diversi minerali benefici (calcio, potassio e magnesio) e quantità considerevole di fibra e sono considerati un alimento a basso indice glicemico, il che significa che i livelli di glucosio nel sangue aumentano solo lentamente dopo il consumo. Grazie a queste qualità nutrizionali uniche, mangiare legumi regolarmente può contribuire a migliorare la salute umana. Infatti, la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO) ha dichiarato il 2016 come l’anno internazionale dei legumi per aumentare la consapevolezza dei loro benefici nutrizionali nelle persone. Anche se iè da molto tempo che i legumi sono noti per offrire protezione contro il diabete di tipo 2 (che è un importante problema di salute in tutto il mondo in quanto colpisce più di 400 milioni di adulti nel 2015), ad oggi  è stata fatta poca ricerca per confermare questa associazione.Per aumentare il livello generale di conoscenze in questo settore, i ricercatori dell’Unità Nutrizione Umana della URV in collaborazione con altri gruppi di ricerca nello studio PREDIMED hanno valutato l’associazione tra il consumo dei diversi sotto-tipi di legumi non a base di soia e il rischio di diabete tipo 2 tra le persone ad alto rischio cardiovascolare. Essi hanno inoltre valutato l’effetto di sostituire altri alimenti alla proteina e ricchi di carboidrati con i legumi per lo sviluppo della malattia.

I ricercatori hanno analizzato 3349 partecipanti ad alto rischio di malattie cardiovascolari, ma senza diabete di tipo 2, all’inizio dello studio PREDIMED. Dopo 4 anni di follow-up, i risultati hanno rivelato che rispetto agli individui con un minor consumo totale di legumi lenticchie, ceci, fagioli (12,73 grammi / giorno, approssimativamente equivalenti a 1,5 porzioni alla settimana di 60 g di legumi crudi ), gli individui con un maggior consumo (28,75 grammi / giorno, equivalenti a 3,35 porzioni / settimana) avevano un rischio inferiore del 35% di sviluppare il diabete di tipo 2. Dei diversi sottotipi di legume, le lenticchie in particolare sono stati associate con un minor rischio di diabete di tipo 2. I partecipanti che avevano un maggior consumo di lenticchie durante il follow-up (circa 1 porzione / settimana) confrontate con quegli individui con un basso consumo (meno di mezza porzione a settimana), avevano un rischio 33% inferiore di sviluppare la malattia. I ricercatori hanno anche scoperto che l’effetto di sostituzione di una mezza porzione / giorno di alimenti ricchi di proteine o carboidrati, comprese le uova, pane, riso e patate al forno, per una mezza porzione / die di legumi è stata anche associata ad un minor rischio di incidenza di diabete tipo 2.

I ricercatori sottolineano l’importanza di consumare legumi per prevenire malattie croniche come il diabete , ma affermano che ulteriori ricerche deve essere condotte in altre popolazioni per confermare questi risultati.

Studio condotto dalla Unità Operativa Nutrizionale dell’Università Rovira y Virgili di Tarragona Spagna (foto)


Studio pubblicato su Clinical Nutrition