Ricerca

Edulcoranti sotto osservazione

I dolcificanti artificiali  basso contenuto calorico sembrano svolgere il caos nel metabolismo, e il grande consumo di questi sostituti dello zucchero potrebbe promuovere l’accumulo di grasso, soprattutto nelle persone che sono già obese, una ricerca preliminare suggerisce. I risultati dello studio sono tati presentati oggi a ENDO 2017, la riunione annuale della Endocrine Society a Orlando, in Florida.
“Molte persone attente alla salute,  consumano i dolcificanti a basso contenuto calorico come alternativa allo zucchero. Tuttavia, v’è una crescente evidenza scientifica che questi dolcificanti promuovono la disfunzione metabolica”, ha detto Sabyasachi Sen, MD, Professore Associato di Medicina ed Endocrinologia presso la George Washington University di Washington, DC, e investigatore principale dello studio.
Sen e i suoi colleghi hanno testato il sucralosio, un popolare dolcificante a basso contenuto calorico, su cellule staminali, cellule che potrebbero cambiare in vari tipi: grasso maturo, muscoli, cartilagine o osso cellule, prelevandole dal da tessuto adiposo umano. Hanno messo queste cellule in piastre di Petri per 12 giorni in media promuovendo  la produzione di grasso . Ad una dose di sucralosio, 0,2-millimolare, simile alla concentrazione trovata nel sangue di persone con elevato consumo di dolcificanti a basso contenuto calorico pari a quattro lattine di diet soda al giorno, i ricercatori hanno osservato un aumento dell’espressione dei geni che sono i marcatori di grasso nella produzione e infiammazione. C’è anche stato un aumentato accumulo di goccioline di cellule grassonelle, in particolare a una dose maggiore (1 millimolare), Sen ha riferito.
Con questa prova, i ricercatori hanno poi condotto un esperimento separato. Essi hanno analizzato i campioni di biopsie di grasso addominale ottenuti da otto soggetti che hanno dichiarato di aver consumato i dolcificanti a basso contenuto calorico (principalmente sucralosio e una traccia di aspartame e/o acesulfame potassio). Quattro dei soggetti erano di peso sano, e quattro erano obesi. Secondo Sen, si è visto l’evidenza di un aumento del glucosio (zucchero) com il trasporto nelle cellule e la sovraespressione di geni conosciuti produttori di grasso, a fronte di campioni bioptici di grasso da soggetti che non hanno consumano i dolcificanti a basso contenuto calorico.
Inoltre, egli ha osservato che i soggetti consumatori di dolcificanti a basso contenuto calorico, che sono diverse volte più dolci dello zucchero, hanno mostrato una sovraespressione dei recettori del gusto dolce nel loro tessuto adiposo; questo sovraespressione era fino a 2,5 volte superiore rispetto ai soggetti senza storia di consumo di questi dolcificanti. La sovraespressione di recettori del gusto dolce del grasso addominale, ha detto, può giocare un ruolo nel permettere al glucosio di entrare nelle cellule, da cui il corpo assorbe nel flusso sanguigno.
Tutti questi risultati sono segni di disregolazione metabolica in cui i meccanismi cellulari stanno cambiando per renderlo più grasso, ha spiegato. La preoccupazione, Sen ha detto, è che questi effetti sono stati più evidenti negli individui obesi consumatori di dolcificanti a basso contenuto calorico, piuttosto che negli individui di peso normale. Egli ha aggiunto come il maggiore assorbimento osservato di glucosio nelle cellule è anche preoccupante per i consumatori che hanno il diabete e pre-diabete “in quanto tengo di loro già più di zucchero nel sangue,” rispetto alle loro controparti senza il diabete.
Ulteriori studi sono necessari su di un maggior numero di persone con diabete e obesità per confermare questi risultati, ha sottolineato.
“Tuttavia, dal nostro studio”, Sen ha dichiarato: “siamo convinti che i dolcificanti a basso contenuto calorico promuovono la formazione di grasso supplementare, consentendo a più glucosio di entrare nelle cellule , e promuovere l’infiammazione, che può essere maggiormente dannosa in individui obesi .”