Sport e movimento

La presa debole è un forte predittore di malattie metaboliche e disabilità negli adulti

Un ricercatore della Michigan Medicine ha collaborato con i colleghi in Cina per indagare sulla forza muscolare come predittore di disturbi metabolici e disabilità fisiche.

Un semplice test per determinare la forza di presa di una persona può essere un predittore nello sviluppare disturbi metabolici nella mezza età o più avanti negli anni tra le persone anziane, un nuovo studio cross-continental ha rilevato.

Le posizioni di test, la demografia e la metodologia tutti sono stati selezionati come base motivazionale.

“La prevalenza delle malattie croniche è sempre più alta negli Stati Uniti e in Cina”, dice Mark Peterson , Ph.D., MS, FACSM, assistente professore di medicina fisica e riabilitazione presso la Michigan Medicine. “C’è un disperato bisogno di identificare i predittori di mezza età di disabilità e diabete in entrambe le popolazioni.”

Peterson è l’autore principale di un nuovo studio, pubblicato su rivista  Journals of Gerontology Series A: Medical Sciences , che ha indagato se la forza di presa normalizzata – che è definita come la forza di presa di una persona divisa per la loro massa corporea – potrebbe servire come un biomarker per entrambe le malattie cardiometabolica e disabilità fisica in adulti americani e cinesi.

Ha collaborato con i colleghi della Scuola UM of Public Health, del Michigan Medicine Global Reach, Institute Social Science e National School of Development at Peking University in Beijing, China.

Uno dei motivi per il focus geografico dello studio: “La Cina rappresenta una popolazione unica”, dice Peterson. “E’ la più grande popolazione al mondo di diabetici, che impone un enorme onere economico per la salute dell’intero paese”.

E aggiunge: “Nel 2015, la Cina e gli Stati Uniti ha avuto un combinato di $ 320 miliardi di dollari in costi sanitari legati al diabete, secondo l’International Diabetes Federation. le popolazioni di entrambi i paesi stanno crescendo a causa di una migliore assistenza medica degli anziani e aspettative di vita più lunghe. Se da un lato è una grande notizia, dall’altro, le due popolazioni rappresentano crescenti stime di prevalenza del diabete, problemi di salute cardiovascolare e menomazioni funzionali. e più a lungo vivono con questi problemi di salute, maggiore è il peso per la società.”

Analizzando i set di dati

Il team di ricerca ha utilizzato i dati sugli adulti di mezza età e anziani dal US National Health and Nutrition Examination Survey 2011-2012 e 2013-2014, e parte del 2011 della Sanità cinese con studio longitudinale. Queste indagini sono stati scelte perché hanno incluso misure di capacità forza muscolare e informazioni necessarie relative alla disabilità e malattie cardiometaboliche.

“Abbiamo voluto esaminare la forza di presa, in particolare, perché è altamente associata con la forza generale del corpo”, dice Peterson. “Per valutare la forza di presa dei soggetti si è usato un dinamometro, richiedendo una impugnatura per meno di 10 secondi, che la rende estremamente attraente da adottare in ambito clinico o in una comunità a livello di popolazione.”

Il gruppo di ricerca ha analizzato la forza di presa normalizzata per 4.544 cittadini degli Stati Uniti e 6.030 partecipanti allo studio cinesi di 50 anni e più anziani di età. Il gruppo di studio ha anche prelevati campioni di sangue a digiuno per esaminare i valori dell’emoglobina glicata e richiedendo di rispondere a un questionario circa i danni della limitazione funzionale relativi alla mobilità. Un sottocampione di 2.225 adulti ha ricevuto misurazioni a digiuno per il glucosio, insulina e trigliceridi.

Utilizzando i modelli di regressione logistica ponderata, la squadra ha valutato l’associazione tra forza normalizzata presa e diabete, iperglicemia, ipertrigliceridemia, basso colesterolo HDL, ipertensione e disabilità fisica. Hanno controllato per età, sesso e numerose caratteristiche socio-demografiche.

Un forte legame

Forse il più grande risultato dello studio è stato che la bassa forza di presa normalizzata è stata fortemente associata con entrambe le malattie cardiometaboliche e disabilità fisiche nella mezza età, sia uomini che donne, e sia negli Stati Uniti che nelle popolazioni cinesi.

Per ogni 0,05 decremento nella forza di presa normalizzata rispettivamente gli adulti cinesi e degli Stati Uniti e hanno evidenziato:

  • 49 per cento e 17 per cento con aumentate probabilità per il diabete

  • 46 per cento e 11 per cento con aumentate probabilità di iperglicemia

  • 15 per cento e 11 per cento hanno aumentato le probabilità di ipertrigliceridemia

  • 22 per cento e 15 per cento con aumentate probabilità di colesterolo HDL basso

  • 19 per cento e il 10 per cento con aumentate probabilità di ipertensione

  • 36 per cento e 11 per cento con aumentate probabilità di stato di disabilità

Altri punti salienti del gruppo di ricerca hanno incluso:

  • La prevalenza di disabilità fisiche era più alta tra gli anziani (65 anni e oltre) rispetto agli adulti di mezza età (50 anni a 64,9 anni) in entrambe le popolazioni.

  • Negli adulti degli Stati Uniti, lo stato di disabilità fisica, l’obesità e l’obesità addominale erano più diffusi, e la prevalenza del diabete maggiore con l’aumentare dell’età negli uomini.

  • Negli adulti cinesi, la prevalenza del diabete è stata maggiore per le donne rispetto agli uomini sia negli adulti di mezza età che anziani.

  • Il diabete era più diffuso negli Stati Uniti rispetto agli uomini cinesi in entrambe le categorie di età, ma più prevalente nelle donne cinesi rispetto alle americane.

  • la forza di presa normalizzata è stata maggiore negli uomini e nelle donne cinesi rispetto agli uomini e le donne degli Stati Uniti in entrambe le categorie di età.

Peterson vorrebbe vedere i risultati di ricerca tradotti alla clinica.

“Ci auguriamo che questi risultati dimostrino quanto sia importante che un semplice test della forza di presa potrebbe avere in ambito clinico”, dice Peterson. “E’ un modo semplice per lo screening e l’identificazione delle persone che sono a rischio precoce su questi problemi di salute.”