Emozioniamo

La morte per insulina – gestione dell’autolesionismo e suicidio nel diabete: i tanti troppi silenzi al riguardo

In occasione della Giornata Mondiale della Salute con al centro dell’attenzione la depressione, Il Mio Diabete recensisce questo articolo su di un tema volutamente ignorato sia a livello medico che sociale e in rete della mia nostra malattia. Ricordo inoltre i risultati della recente indagine sullo Stato Mentale e diabete, grazie all’apporto qualificato della dottoressa Maria Carcuro.

Il diabete colpisce circa 30 milioni di americani, ed è una delle principali cause di disabilità e mortalità. Di conseguenza, le organizzazioni come l’American Diabetes Association (ADA), Endocrine Society e American Association of Clinical Endocrinologyst (AACE) hanno compiuto sforzi per allontanarsi dalla taglia unica nella gestione del diabete. Ora la gestione del diabete è ormai personalizzato in base a variabili quali l’età del paziente, l’aspettativa di vita, le condizioni di co-morbidità, finanze, e gli obiettivi del paziente.

Di conseguenza questo numero speciale di Current Diabetes Reviews ospita a cura del Dr. Alyson Myers,, una esplorazione della gestione del diabete nei pazienti clinicamente complessi. L’ADA ha recentemente rilasciato una dichiarazione nel novembre 2016 per quanto riguarda l’importanza di valutare i problemi psicosociali che impattano nelle persone con diabete  Sollecitazioni psicosociali, come disturbi dell’umore, co-morbidità, insicurezze alimentari o mancanza di sostegno sociale possono ostacolare la gestione del diabete.

Uno degli articoli di questo numero speciale affronta il ruolo di farmaci per il diabete nel comportamento denominato autolesionismo. I dottori Madhuker Trivedi e Alyson Myers discutono della gestione degli autolesionisti o del paziente suicida con il diabete. Questa recensione è un follow-up a uno studio che hanno pubblicato nel 2013 in cui il 9,7% dei pazienti con diabete di nuova diagnosi (meno di 24 mesi) ha provato una storia di tentativo di suicidio. La metà di questi pazienti sono risultati positivi per la depressione al momento dello studio, dovevano essere quindi essere sottoposti a screening per la depressione e tendenza al suicidio, quando i tassi di entrambi i casi possono essere maggiori rispetto alla popolazione generale, nelle persone con diabete.

L’insulina è considerato un farmaco ad alto rischio, quindi può essere manipolata per causare grave iper o ipoglicemia, entrambi i casi possono potenzialmente portare alla morte. Gli agenti orali come le sulfoniluree o metformina sono stati utilizzati anche in overdose con o senza insulina. Il suicidio è la causa decima di morte negli Stati Uniti. Il suicidio è in genere associata a disturbi dell’umore come la depressione o disturbi d’impulsività. Le persone con diabete sia di tipo 1 che tipo 2 sono noti per avere più alti tassi coi disturbi depressivi; di conseguenza l’ideazione suicidaria dovrebbe essere valutata in tali pazienti. Purtroppo la morte per insulina può essere erroneamente classificata come un incidente, quando è in realtà un tentativo di suicidio. La modalità di distinzione tra i due, e come gestire questi pazienti ad alto rischio viene descritto in questo articolo.

Inoltre, la verifica compila i casi in letteratura che coinvolgono l’overdose da infusione continua sottocutanea di insulina, noto anche come terapia con pompa dell’insulina. L’acuità della terapia medica in tali casi di grande overdose come alcuni degli agenti utilizzati può avere effetti ipoglicemici per un massimo di 72 ore. I pazienti in over-trattamento con alte velocità di infusione endovenosa di destrosio possono rendere l’ipoglicemia ancora peggiore in quanto stimola ulteriormente rilascio di insulina. Il monitoraggio glicemico frequente e un approccio multi-disciplinare dell’equipe medica per la cura del paziente con una salute comportamentale critica è giustificato.

In generale, c’è poco nella letteratura per quanto riguarda il legame tra diabete e suicidio. In questo articolo gli autori evidenziano il legame tra il diabete e la depressione come causa probabile per le percentuali di autolesionismo aumentato visti in quelli con diabete sia di tipo 1 e che di tipo 2. Si tratta anche degli obiettivi di gestione di tali pazienti e la necessità di ulteriori ricerche in questo settore.