Sport e movimento

L’espansione del girovita e sindrome metabolica: I ricercatori avvertono del nuovo ‘killer silenzioso’

Da decenni, il girovita americano è in espansione e v’è una crescente motivo di allarme. I ricercatori del Charles E. Schmidt College of Medicine presso la Florida Atlantic University portano il caso della sindrome metabolica, un gruppo di tre o più fattori di rischio che include l’obesità addominale, trigliceridi alti, pressione alta, lipidi anormali, e resistenza all’insulina, un precursore del diabete di tipo2 è il nuova “killer silenzioso” analogo all’ipertensione nel 1970. Come si è visto, la “maniglia dell’amore” può essere fatale.

In un commento pubblicato sul Journal of Cardiovascular Pharmacology and Therapeutics , gli autori descrivono come il sovrappeso e l’obesità contribuisce alla sindrome metabolica, che colpisce 1 su 3 adulti e circa il 40 per cento degli adulti di età compresi tra i 40 anni e più. I medici hanno tradizionalmente valutato ciascuno dei principali fattori di rischio che contribuiscono alla sindrome metabolica su base individuale. Ci sono prove, tuttavia, che i fattori di rischio sono più che la semplice somma delle loro parti.

“Il fattore principale che fa accelerare il percorso verso la sindrome metabolica è il sovrappeso e l’obesità”, ha detto Charles H. Hennekens, MD, Dr.PH, e Sir Richard Doll professore e consulente senior accademico del documento con Dawn H. Sherling, MD, primo autore e assistente professore di scienza medica integrata, e Parvati Perumareddi, DO, un assistente professore di scienza medica integrata, tutti i membri del corpo docente in FAU Charles E. Schmidt college of Medicine. “L’obesità sta superando il fumo come la principale causa evitabile di morte prematura in tutto il mondo.”

Per una salute ottimale, la vita dovrebbe misurare meno di 101,6  cm per gli uomini e 88,9 cm per le donne. Gli autori spiegano che la componente di grasso viscerale e obesità addominale porta non solo alla insulino-resistenza, ma anche rilascio di acidi grassi liberi non esterificati dal tessuto adiposo o grasso corporeo. I lipidi poi si accumulano in altri siti come il fegato e nei muscoli, predisponendo ulteriori individui a insulino-resistenza e importi anormali di lipidi, dislipidemia. Inoltre, il tessuto adiposo può produrre varie adipochine che possono avere un impatto a parte sulla resistenza all’insulina e fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Gli autori inoltre sottolineano come individui con sindrome metabolica sono in gran parte asintomatici ma hanno un rischio a 10 anni di un primo evento coronarico, basato sul Framingham Risk Score dal 16 a 18 per cento, che è quasi alto come un paziente che ha già sperimentato un prima evento coronarico. Inoltre, evidenziano come la sindrome metabolica è sia sotto diagnosticata e sotto trattata.

“Il grasso viscerale e il suo correlato clinicamente più facilmente misurato nella circonferenza della vita stanno guadagnando sempre maggiore attenzione come forti predittori di sindrome metabolica, anche se si rimuove l’indice di massa corporea dall’equazione”, ha detto Sherling. “Ci sono pazienti che hanno un indice di massa corporea normale ma sono ad alto rischio. Questi pazienti rappresentano una popolazione importante per i medici al fine dell’effettuazione dello screening per la sindrome metabolica “.

Nel commento, gli autori sottolineano l’importanza di cambiare stile di vita terapeutico a partire dall’infanzia. Essi rilevano che l’attuale generazione di bambini e adolescenti americani raggiungere la mezza età, la morbilità e la mortalità con malattie cardiovascolari aumentate del 50%.

“La pandemia obesità, che inizia durante l’infanzia, è profondamente preoccupante”, ha detto Perumareddi. “Gli adolescenti di oggi sono più obesi e meno fisicamente attivi rispetto ai loro genitori e hanno già più alti tassi di diabete di tipo 2. Èprobabile che l’attuale generazione di bambini e adolescenti negli Stati Uniti sarà la prima dal 1960 ad avere tassi di mortalità più elevati rispetto ai loro genitori a causa principalmente delle malattie cardiovascolari, tra cui la coronarica e ictus “.

Gli autori sottolineano che l’obesità è un importante fattore di rischio per diversi tipi di cancro, in particolare del colon-retto, ma anche della mammella e della prostata. Per gli adulti americani, questo implica la necessità di dosi basate su test di farmaci salvavita per portare beneficio a quelli ad alto rischio.

“Negli Stati Uniti, le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di morte dovuto in gran parte a obesità e inattività fisica”, ha detto Hennekens. “Purtroppo, la maggior parte delle persone preferisce la prescrizione di pillole che agire per contrastare stili di vita dannosi. La totalità delle prove indicano che la perdita di peso corporeo del 5 per cento o più in combinazione con una camminata veloce per 20 o più minuti al giorno riduce significativamente gli eventi cardiovascolari ed i decessi. ”

Secondo il National Institutes of Health, circa due terzi degli adulti di età superiore ai 20 anni sono in sovrappeso o obesi con indice di massa corporea (BMI) superiore a 25, e quasi un terzo hanno BMI superiore a 30. Meno di un terzo di loro hanno un peso sano con un BMI di 18,5-24,9. Le spese mediche stimate per l’obesità sono alte pari a $ 147 miliardi all’anno per il 2008, e quasi il 10 per cento di tutte le spese mediche.

Gli autori concludono anche che l’esportazione della dieta e stile di vita americano aumenta i tassi di obesità e inattività fisica, insieme con i tassi allarmanti di esportazione di tabacco verso i paesi in via di sviluppo che si traducono in malattie cardiovascolari facendole emergere come il principale killer a livello mondiale.