Tecno

Uso del CGM in tempo reale migliora la percezione della sicurezza, il benessere negli anziani con diabete di tipo 1

Gli adulti più anziani con diabete di tipo 1 che hanno usato in tempo reale il monitoraggio continuo del glucosio sono stati più propensi a riferire maggiore consapevolezza di ipoglicemia e miglioramento del benessere rispetto a coloro che non hanno utilizzato la tecnologia, secondo i risultati pubblicati nel Journal of Diabetes Science and Technology.

“Tattiche per evitare l’ipoglicemia in adulti più anziani sono fondamentali al fine di  promuovere la sicurezza e il loro benessere,” ha scritto Michelle L. Litchman, PhD, FNP-BC, FAANP, e Nancy A. Allen, PhD, ANP-BC, della University of Utah college of Nursing a Salt Lake City. “Gli studi sul CGM in tempo reale hanno tradizionalmente escluso gli individui più anziani e, di conseguenza, poco si sa circa i vecchi adulti e l’impiego del monitoraggio continuo del glucosio in tempo reale. Lo scopo di questo studio è stato quello di identificare il motivo per cui il CGM era importante per la gestione del diabete sia negli attuali che ex utenti CGM  di età superiore ai 65 anni.”

Litchman e Allen hanno analizzato i dati provenienti da 22 anziani adulti con diabete di tipo 1 , reclutati da una comunità on-line di diabetici, per completare uno dei due sondaggi online per quanto riguarda l’uso CGM (11 uomini, età media, 70 anni; durata media del diabete, 59 anni, tutti auoidentificati utenti come ad alta tecnologia). La prima indagine ha interrogato le persone che erano utenti CGM in corso; il secondo individui che non hanno utilizzato CGM ma desideravano farlo. Domande rivolte circa l’ipoglicemia (livello di glucosio nel sangue 70 mg / dL) e l’ipoglicemia inconsapevole.

Rispetto ai partecipanti che non hanno utilizzato il CGM in tempo reale, coloro che ne hanno fatto uso avevano minori  probabilità di avere una esperienza di ipoglicemia grave che richiede l’assistenza di un’altra persona ( p = 0,02) o ipoglicemia risultante in una caduta o l’impossibilità di guidare un veicolo ( P = .01). Gli utenti di CGM hanno anche riferito di essere più consapevoli delle fluttuazioni della glicemia e le rettifiche di comportamento proattivo fatto per evitarla, secondo i ricercatori.

I partecipanti che erano stati in precedenza utenti CGM ma al momento non utilizzano la tecnologia hanno notato un aumento delle preoccupazioni legate all’ipoglicemia, i ricercatori rilevano di  sette non utilizzatori che hanno segnalato di un grave evento ipoglicemia da richiedere assistenza di un’altra persona negli ultimi 12 mesi. gli utenti CGM hanno visto calare la preoccupazione di ipoglicemia, e così avere un sonno più riposante e una maggiore indipendenza e benessere, secondo i ricercatori.

“Gli adulti più anziani che non hanno accesso al CGM real time in questo piccolo campione hanno sperimentato più gravi eventi di ipoglicemia che hanno interessato negativamente la loro sicurezza e il benessere”,  scrivomo i ricercatori. “Migliorare l’accesso al  CGM in adulti più anziani è fondamentale per migliorare la salute e la sicurezza, e richiede una maggiore attenzione da parte degli operatori nella cura del diabete.”