Reni

Nuovo test identifica i pazienti con diabete che sono ad alto rischio di insufficienza renale

Dr MD – Andrzej S. Krolewski, Joslin Diabetes Center

I ricercatori del Joslin Diabetes Center hanno sviluppato uno strumento prognostico che predice con precisione il rischio di malattia renale allo stadio terminale (ESRD) in pazienti con entrambi i tipi di diabete: tipo 1 e tipo 2.

Questo nuovo test potrebbe aiutare i medici a valutare il rischio di malattia nei loro pazienti e  guidare i ricercatori nello sviluppo di terapie più efficaci per prevenire o curare l’insufficienza renale. I risultati sono pubblicati on-line (7 aprile 2017) sul sito Kidney International sito avanti.

In passato, i medici hanno fatto affidamento soprattutto su due biomarcatori – urinari albumina di creatinina (ACR) e la stima della velocità di filtrazione glomerulare – per identificare quelli a più alto rischio di insufficienza renale e anche per selezionare i pazienti per gli studi clinici. Ma i ricercatori dicono che tali criteri perdono una grande percentuale di pazienti che sono ad alto rischio di malattia e non riescono a prevedere con precisione il tempo di insorgenza della malattia renale all’ultimo stadio.

“L’efficienza e l’efficacia complessiva dei costi delle sperimentazioni cliniche dipende dagli strumenti diagnostici utilizzati per l’iscrizione dei pazienti nello studio”, spiega l’autore Andrzej S. Krolewski, MD, Ph.D., Direttore, Sezione di Genetica & Epidemiologia presso Joslin Diabetes Center. “Se si reclutano persone che non sono a rischio di progressione di malattia renale all’ultimo stadio durante il periodo di sperimentazione clinica, diminuisce la potenza statistica e non si può dimostrare niente.”

Nel 2012, il Dr. Krolewski e il suo team hanno fatto una scoperta molto importante quando hanno trovato un legame tra fattore di necrosi tumorale del recettore 1 (TNFR1) e la funzione renale in calo nel diabete di tipo 1 e di tipo 2. Sulla base di questa ricerca svolta, i ricercatori hanno cercato di tradurre questa scoperta in una prova pratica di prognosi che i medici potrebbero utilizzare per valutare la cura e arruolare pazienti negli studi clinici.

Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di una popolazione di pazienti con diabete e malattia renale cronica (fase 3 e 4) arruolati in follow-up  con studi condotti dal Dr. Krolewski e il suo team presso il Joslin Diabetes Center e seguiti da quattro a 15 anni.

Utilizzando uno strumento analitico chiamato classificazione ad alberi di regressione, il Dr. Krolewski e colleghi hanno scoperto che i valori specifici dei due biomarker combinati e circolanti – livello di TNFR1 e ACR – indicano alto rischio di ESRD. Il team ha poi convalidato questi risultati in una coorte di pazienti con diabete di tipo 2. Essi hanno scoperto che il test prognostico per il diabete di tipo 2 è simile al tipo 1. Nel complesso il criterio prognostico composito aveva un valore di sensibilità (rilevazione di quelli a rischio) del 72 per cento e valore prognostico positivo (rilevazione di coloro che hanno sviluppato ESRD in tre anni) 81 per cento.

“Sorprendentemente, quando abbiamo usato il recettore del TNF per analizzare il rischio di malattia renale all’ultimo stadio, il rischio era quasi identico sia per il diabete di tipo 1 che di tipo 2. Ciò implica che le eziologie sono simili,” dice il Dott Krolewski. “Questa è un’osservazione molto importante perché nella comunità medica, l’impressione è che la progressione a malattia renale all’ultimo stadio di tipo 1 è in qualche modo diversa da quello di tipo 2. Come risultato, molti studi clinici non includono i pazienti con tipo 1.”

Inoltre, il team ha applicato questo semplice criterio di iscrizione ad un ipotetico studio clinico di 3 anni per valutare l’impatto sulla riduzione della dimensione del campione, aumentando la potenza statistica.

“Attualmente, circa l’80 per cento dei pazienti in questi studi clinici non forniscono alcuna informazione utile,” dice il Dott Krolewski. “Se il nostro criterio è utilizzato nel reclutamento dei pazienti, non avrete bisogno di due o tremila pazienti per una sperimentazione clinica, si avrà solo bisogno di 400 pazienti.”

Questa scoperta apre anche la porta a utilizzare il recettore del TNF come bersaglio terapeutico. Studi futuri potrebbero porre la domanda, c’è qualcosa nel recettore del TNF che sta danneggiando i reni?