Educazione

L’intervento dell’infermiera è basilare per aiutare il paziente nel controllo del diabete

Interventi tra cui l’istruzione e la terapia cognitivo-comportamentale sono in grado di migliorare il controllo dell’emoglobina A1c (HbA1c).  L’infermiere ha portato un miglioramento strutturale dell’andamento della patologia, secondo uno studio pubblicato online l’11 aprile nel Journal of Evaluation in Clinical Practice.
Lisa C. Whitehead, Ph.D., dal Edith Cowan University di Joondalup, Australia, e colleghi hanno randomizzato adulti con diagnosi confermata di diabete di tipo 2 e HbA1c al di fuori del range raccomandato (da 4 al 7 per cento) per 12 mesi o più ad un intervento guidato da un’infermiera nell’istruzione (34 pazienti), teso a formare mediante l’impiego di una figura specifica dell’ordinamento infermieristico anglosassone:  infermiere-educatore professionale per il diabete nell’impegnarsi con l’accettazione e la terapia (ACT; 39 pazienti), o solita cura (45 pazienti).
I ricercatori hanno scoperto che c’era una riduzione statisticamente significativa di HbA1c nel gruppo di intervento educativo. A sei mesi, HbA1c è aumentata nel gruppo di controllo, ma si è stato ridotta in entrambi i gruppi di intervento. Nei gruppi di intervento, il doppio dei partecipanti hanno dimostrato un miglioramento rispetto al gruppo di controllo (56 per cento del gruppo istruzione, il 51 per cento della formazione più ACT gruppo, e il 24 per cento del gruppo di controllo ).
“Sei mesi dopo l’intervento, l’HbA1c si è ridotta in entrambi i gruppi di intervento, con una maggiore diminuzione notata nell’intervento con formazione infermieristica guidata,” scrivono gli autori.