Terapie

Pre, pro e postbiotici: una nuova linea di trattamento a protezione dal diabete tipo 2 tra gli obesi

Avete sentito parlare di pre-antibiotici e pro-biotici, ma ora sentirete parlare molto di più sui post-antibiotici. I ricercatori della McMaster University hanno iniziato a identificare come i post-antibiotici, o sottoprodotti di batteri, abbassano di più il glucosio nel sangue e l’insulina consentendo di lavorare meglio.

Jonathan Schertzer (in foto), assistente professore di biochimica e scienze biomediche e senior autore di un articolo pubblicato da Cell Metabolism oggi, spiega il modo:
“Sappiamo che i batteri intestinali , spesso chiamati microbiomi, inviano segnali di infiammazione che cambiano quanto bene l’insulina funziona per abbassare il glucosio nel sangue .
“E’ stato precedentemente pensato che i batteri possono causare problemi come più alti livelli d’infiammazione e un più alto livello di glucosio nel sangue. Ma questa è solo metà della storia. Abbiamo scoperto che un componente specifico di batteri in realtà abbassa il glucosio nel sangue e permette all’insulina di lavorare meglio con l’obesità.
“Capire come le diverse parti di batteri controllano il glucosio potrebbe portare a nuove terapie che evitano alcuni dei problemi con i pro-biotici o pre-antibiotici. Abbiamo trovato un ‘post-biotico’ che abbassa il glucosio nel sangue durante l’obesità.”
Questo lavoro è importante in quanto più della metà dei canadesi sono in sovrappeso o obesi, il che porta a più alti livelli di insulina nel sangue e glucosio. Queste caratteristiche di pre-diabete possono portare al diabete di tipo 2.
“Ma non abbiamo capito che cosa innesca il glucosio nel sangue”, ha detto Schertzer. “Questo è importante perché solo alcuni individui con l’obesità sviluppano prediabete. La glicemia è influenzato dai nostri geni, il cibo che mangiamo, ed i batteri nel nostro intestino.”
Il suo team di ricerca sta lavorando per sviluppare nuovi farmaci a base di batteri per abbassare il glucosio nel sangue e combattere il prediabete prima che diventi diabete di tipo 2. In questo momento i test hanno avuto successo nel corso degli studi con i topi mediante un farmaco attualmente usato per l’osteosarcoma, un cancro alle ossa.