Mangiare

La genetica influenza le nostre preferenze alimentari?

Vi siete mai chiesti perché si continuano a mangiare determinati alimenti, anche se questi non ci fanno bene? Le varianti geniche influenzano il modo in cui facciamo la scelta finale, questa può essere la ragione, secondo un nuovo studio. La ricerca potrebbe portare a nuove strategie per permettere alle persone di rendere i loro regimi alimentari ottimali. 

Silvia Berciano, una specializzanda presso l’Universidad Autonoma de Madrid, presenterà le nuove scoperte nel corso della riunione annuale dell’American Society for Nutrition Scientific Sessions durante l’ Experimental Biology 2017 meeting, che si tiene a Chicago 22-26 aprile.

“La maggior parte delle persone hanno difficoltà a modificare le loro abitudini alimentari , anche se avrebbero interesse a farlo”, ha detto Berciano. “Questo è perché le nostre preferenze alimentari e la capacità di lavorare per obiettivi o seguire delle diete sono influenzati da ciò che mangiamo così da bloccare la nostra capacità di cambiare  regime . Il nostro è il primo studio che descrive come  i geni influenzano il cervello nell’assunzione di cibo e nelle preferenze alimentari in un gruppo di persone sane”.

Anche se la ricerca precedente ha identificato i geni coinvolti in comportamenti osservati nei disturbi alimentari quali l’anoressia o la bulimia, poco si sa su come la variazione naturale in questi geni potrebbe influenzare i comportamenti alimentari in persone sane . La variazione del gene è il risultato di differenze di DNA sottili tra gli individui che rendono ogni persona unica.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato la genetica di 818 uomini e donne di origine europea e raccolto informazioni circa la loro dieta utilizzando un questionario. I ricercatori hanno scoperto che i geni svolgono un ruolo significativo nelle scelte alimentariee abitudini alimentari di una persona . Per esempio una superiore assunzione di cioccolato e un girovita più grande è stato associato con certe forme del gene recettore ossitocina, e un gene dell’obesità che gioca un ruolo nel consumo di verdura e assunzione di fibre . Essi hanno inoltre osservato che alcuni geni sono coinvolti nel consumo di sale e grassi.

I nuovi risultati potrebbero essere utilizzati per informare sugli approcci di precisione della medicina che aiutino a ridurre al minimo il rischio di una persona per malattie comuni come il diabete, le patologie cardiovascolari e il cancro, adattando la prevenzione e la terapia con la dieta a base alle esigenze specifiche di un individuo.

“Le conoscenze ottenute attraverso il nostro studio spianeranno  la strada a una migliore comprensione del comportamento alimentare e faciliteranno la progettazione di consigli dietetici personalizzati che saranno più permeabili per l’individuo, con conseguente migliore compliance  successo”, ha detto Berciano.

I ricercatori hanno in programma di eseguire indagini simili in altri gruppi di persone con caratteristiche suddivise per etnie così da comprendere meglio l’applicabilità e l’impatto potenziale di questi diversi risultati. Vogliono anche verificare se le varianti genetiche identificate sono connesse con l’assunzione di cibo e legate a un aumentato rischio di problemi nelle patologie o salute.