Tecno

Diabetici tipo 1 piccini: il pancreas artificiale ancora una volta mostra i benefici nei test sul circuito

Uno studio pilota tra i bambini con diabete di tipo 1 condotto da Centro per la Tecnologia Applicata nella Terapia sul Diabete dell’Università della Virginia (UVA), ha rilevato che il pancreas artificiale lì sviluppato  aiuta piccini e genitori a controllare l’evoluzione della patologia nei partecipanti ai test.

L’obiettivo del pancreas artificiale è quello di monitorare in modo automatico e regolare i livelli di zucchero nel sangue, eliminando la necessità per le persone con diabete tipo 1 di bucarsi le dita per controllare la glicemia frequentemente e iniettare manualmente l’insulina.  La piattaforma dispone di uno smartphone riconfigurato in esecuzione mediante algoritmi avanzati che in modalità wireless sono collegati ad un monitor il quale controlla la curva glicemica e una pompa di insulina indossata dal paziente, entrambi connessi a un sito remoto di monitoraggio.
“Oltre a regolare automaticamente la quantità di insulina da consegnare, un altro importante vantaggio del pancreas artificiale è quello di prevenire gli eventi ipoglicemici che possono avere conseguenze catastrofiche ed è una delle situazioni più pericolose per i bambini con diabete di tipo 1 e dei loro genitori,” ha detto Daniel R. Chernavvsky, MD, del Centro UVA e ricercatore nel Centro Tecnologico per il diabete. Chernavvsky è anche Chief Medical Officer di TypeZero Technologies, Inc., un operatore sanitario digitale e una società di medicina personalizzata situata a Charlottesville, che ha concesso in licenza il sistema di pancreas artificiale.
Lo studio ha confrontato quanto bene 12 bambini tra i 5 e 8 anni d’età, sono stati in grado di controllare il diabete con la loro pompa di insulina e il monitoraggio continuo del glucosio rispetto al solito pancreas artificiale adattato per l’uso con i bambini piccoli mediante i controlli dei genitori. I bambini nel processo sono stati seguiti per 68 ore in una località utilizzando il pancreas artificiale, e un altro gruppo sempre per  68 ore usando il regime di trattamento terapeutico classico in casa. Durante l’utilizzo del pancreas artificiale, i bambini nello studio avevano in media  livelli di zucchero nel sangue più bassi e hanno trascorso più tempo all’interno del target glicemico regolare e senza un aumento del fattore ipoglicemia, o basso livello dello zucchero nel sangue .
“I dati mostrano che il pancreas artificiale, che rilascia insulina con un metodo automatico per le persone con diabete di tipo 1, sembra essere sicuro ed efficace per l’uso nei bambini di età 5-8 anni”, ha detto il ricercatore Mark DeBoer, MD UVA School of Medicine. Il passo successivo il potenziale, ha detto, per seguire i bambini in un tempo più lungo per valutare l’efficacia del pancreas artificiale durante la normale routine di un piccino a scuola e casa.
I ricercatori UVA continuano il loro lavoro sul pancreas artificiale per i bambini, l’iscrizione è ancora in corso per gli studi clinici che faranno da test finali per il pancreas artificiale nelle persone con diabete di tipo 1 dai 14 anni in su.