Tecno

Basterà un algoritmo per individuare la retinopatia diabetica

I ricercatori del Byers Eye Institute della Stanford University hanno trovato un modo per utilizzare l’intelligenza artificiale nel combattere una complicanza del diabete che colpisce gli occhi. Questo progresso ha il potenziale di ridurre il tasso di perdita della vista in tutto il mondo a causa del diabete.

In uno studio pubblicato online in Ophthalmology, l’omonima rivista dell’American Academy of Ophthalmology, i ricercatori descrivono come hanno usato metodi di “apprendimento profondo” per creare un algoritmo automatico che rileva la retinopatia diabetica . La retinopatia diabetica (DR) è una condizione che danneggia i vasi sanguigni nella parte posteriore dell’occhio, causando potenzialmente la cecità.
“Quello che abbiamo mostrato è come con una intelligenza artificiale basata su di un algoritmo di classificazione può essere utilizzata per identificare, con elevata affidabilità, i pazienti che devono essere inviati ad un oftalmologo per una ulteriore valutazione e trattamento”, ha detto Theodore Leng, MD, autore principale. “Se correttamente implementato a livello mondiale, questo algoritmo ha il potenziale di ridurre il carico di lavoro dei medici e aumentare l’efficienza delle risorse sanitarie limitate. Ci auguriamo che questa tecnologia avrà il maggiore impatto in parti del mondo dove gli oftalmologi scarseggiano “.
Un altro vantaggio è che l’algoritmo non richiede alcun materiale informatico complesso, inaccessibile o troppo costosi da immagini di qualità. Può essere eseguito su un comune personal computer o smartphone.
L’pprendimento profondo è in aumento nell’impiego con l’informatica in medicina perché può insegnare ai computer a fare ciò che i nostri cervelli fanno naturalmente. Quello che il dottor Leng e i suoi colleghi hanno fatto è  di creare un algoritmo basato su più di 75.000 immagini provenienti da una vasta gamma di pazienti che rappresentano diverse etnie, e poi lo usavano per insegnare un computer a identificare tra i pazienti sani quelli con qualsiasi stadio della malattia, da lieve a grave.
L’algoritmo di Dr. Leng ha potuto identificare tutte le fasi della malattia, da lieve a grave, con un tasso di precisione del 94 per cento. Sarebbero questi i pazienti che dovrebbero vedere un oculista per un ulteriore esame. Un oculista è un medico specializzato nel trattamento medico e chirurgico delle malattie e patologie oculari.
Il diabete colpisce più di 415 milioni di persone in tutto il mondo o 1 ogni 11 è adulto. Circa il 45 per cento dei pazienti diabetici possono avere la retinopatia diabetica ad un certo punto della loro vita. Tuttavia, meno della metà dei pazienti sono consapevoli della loro condizione. L’individuazione e il trattamento precoce sono fondamentali per la lotta a questa epidemia mondiale per evitare la perdita della vista .
Gli oculisti solitamente diagnosticano la presenza e la gravità della retinopatia diabetica mediante esame diretto del fondo dell’occhio e la valutazione tramite fotografie a colori del fondo oculare, il rivestimento interno dell’occhio. Dato il gran numero di pazienti diabetici a livello globale, questo processo è costoso e richiede tempo. Inoltre, studi precedenti hanno dimostrato che il rilevamento è un po’ soggettivo, anche tra gli specialisti qualificati. Questo è il motivo per cui un efficace algoritmo automatizzato potrebbe potenzialmente ridurre il tasso di cecità in tutto il mondo.
L’approvazione da parte della Food and Drug Administration è stata richiesta prima che l’ algoritmo possa essere utilizzato in pazienti su larga scala. Il dottor Leng e il suo team si aspettano di condurre studi pilota  nei prossimi mesi.