Ricerca

Defibrillatori a misura di diabetici

I ricercatori conducono il primo test mondiale per defibrillatori nei pazienti diabetici.

Gli individui con diabete hanno un’alta incidenza di problemi di cuore, compresa la morte cardiaca improvvisa. Uno studio condotto dai ricercatori presso l’Università di Rochester – Medical Center (URMC) determinerà se un defibrillatore cardiaco impiantabile sottocutaneo (S-ICD) aumenta la sopravvivenza in questo crescente gruppo di pazienti.

La sperimentazione clinica globale recluterà persone con diabete di età superiore ai 65 anni, che hanno avuto un attacco di cuore e la funzione cardiaca leggermente ridotta, come misurato dalla capacità del cuore di pompare il sangue in tutto il corpo. Il leader dello studio Valentina Kutyifa, MD, Ph.D., professore assistente di ricerca in Cardiologia presso il programma di follow-up Heart Research URMC dice che tutti questi fattori aumentano notevolmente il rischio di morte cardiaca improvvisa , eppure questi pazienti non sono considerati candidati per i defibrillatori secondo le esistenti linee guida mediche.
“Pensiamo che questa sia una popolazione intatta di pazienti che potrebbe davvero beneficiare del dispositivo”, ha detto Arthur J. Moss, MD, professore di Cardiologia presso URMC che è uno dei maggiori esperti del mondo per l’uso di defibrillatori.
I defibrillatori rilevano e correggono i ritmi cardiaci irregolari che, se lasciato incontrollati, potrebbero portare a un arresto cardiaco improvviso e la morte. La S-ICD – il nuovo tipo di dispositivo ICD – è meno invasivo di uno tradizionale; viene impiantato sotto la pelle e non richiede cavi o fili da collegare al cuore. Esso utilizza una speciale tecnologia per rilevare ritmi cardiaci pericolosi senza toccare il cuore e i vasi circostanti.
“Questo studio è importante perché abbiamo bisogno di nuovi modi più efficaci nel ridurre la morte improvvisa in persone con diabete”, ha detto Stephen R. Hammes, MD, Ph.D., capo della divisione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo presso URMC. “I pazienti hanno spesso prescritti beta-bloccanti, ACE-inibitori, le statine e altri farmaci per gestire la malattia di cuore, ma un defibrillatore potrebbero fornire un maggiore livello di protezione non offerta dal farmaco da solo.”

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention e l’American Diabetes Association, il diabete colpisce quasi 29 milioni di persone nei soli Stati Uniti e sostiene più di 250.000 vite ogni anno. Adulti con diabete hanno da due a quattro volte più probabilità di morire causa di problemi cardiaci rispetto a quelli senza.
Il Multicenter Automatic Trial Defibrillator Implantation con sottocutaneo Defibrillator cardioverter Implantation (MADIT S-ICD) dovrà iscriverse 1.800 pazienti in circa 100 siti negli Stati Uniti, Europa e Israele per determinare se la S-ICD migliora la sopravvivenza rispetto ai pazienti rimanenti sul loro terapia medica corrente. Il processo è sponsorizzato dal Boston Scientific, creatore del sistema EMBLEMA MRI defibrillatore impiantabilesottocutaneo (ICD-S).
Gruppi interdisciplinari di elettrofisiologi, cardiologi e endocrinologi – tutti che hanno a cuore i pazienti con il diabete – gestiranno l’iscrizione in ogni sito di studio. Uno sforzo particolare sarà fatto per registrare un gran numero di donne, che sono costantemente sottorappresentate nei test clinici . Uno studio condotto in Circulation: Cardiovascular Quality e Outcomes ha scoperto che tra il 2000 e il 2007 che il numero medio di donne arruolate negli studi clinici per dispositivi cardiovascolari degli Stati Uniti è stato solo un terzo della popolazione totale dello studio.
Questa è la quinto maggiore studio sul defibrillatore condotto dalla University of Rochester; il processo MADIT iniziale è stato lanciato nel 1989. Questi studi hanno dimostrato i benefici dei defibrillatori in diversi gruppi di pazienti e hanno cambiato le linee guida mediche in tutto il mondo per includere la terapia ICD nei salvavita.