Ricerca

Il diabete continua la sua inarrestabile ascesa

Due nuovi studi sul diabete offrono una buona e una cattiva notizia, ma il messaggio generale è che la malattia dello zucchero nel sangue rimane un onere formidabile per la salute pubblica.

Il primo studio ha esaminato l’incidenza del diabete di tipo 1 e di tipo 2 nei bambini degli Stati Uniti, e ha scoperto questa tendenza preoccupante: Dal 2002 al 2012, le percentuali per entrambi i tipi di diabete sono aumentate, in particolare tra le minoranze etniche e razziali.

Ma un po’ di speranza è stata offerta nel secondo studio: i ricercatori svedesi hanno riportato un calo in termini di incidenza di malattie cardiache e ictus negli adulti con entrambi i tipi di diabete.

“Questi studi mettono in evidenza le nostre preoccupazioni per la crescente prevalenza del diabete. ogni 23 secondi, ad un’altra persona è diagnosticato il diabete [negli Stati Uniti]”, ha detto il dottor William Cefalu, direttore scientifico, medico per l’American Diabetes Association ( ADA).

Cefalù ha aggiunto che lo studio svedese è incoraggiante e dimostra come le cose stanno “andando nella giusta direzione. Grazie alla ricerca nel diabete, siamo stati in grado di migliorare la vita di milioni di persone con la malattia in tutto il mondo, ma questa sta ancora aumentando in tutto il pianeta. Abbiamo ancora un sacco di lavoro da fare.”

Negli Stati Uniti, circa 29 milioni di persone hanno il diabete, secondo l’ADA. La stragrande maggioranza di coloro con il tipo 2. Circa 1,3 milioni di persone hanno il diabete di tipo 1.

Nelle persone con diabete di tipo 2, il corpo non usa correttamente l’insulina. Questa è chiamato insulino-resistenza. L’insulina è un ormone che aiuta lo zucchero a uscire dai cibi nelle e andare nelle cellule del corpo per essere utilizzato come combustibile. Quando uno ha il diabete di tipo 2, questo processo non funziona bene e i livelli dello zucchero nel sangue salgono. L’obesità è il principale fattore di rischio per il diabete di tipo 2, anche se non è l’unico coinvolto nella malattia.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune. Il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente le cellule che producono insulina nel pancreas. Questo lascia una persona con diabete di tipo 1 con poca o niente insulina. Per rimanere in vita, una persona con diabete di tipo 1 deve mettere insulina in circolo attraverso iniezioni.

“I geni specifici e i fattori ambientali / comportamentali che causano il diabete di tipo 2 sono diversi da quelli che originano il diabete di tipo 1”, ha spiegato Elizabeth Mayer-Davis, autore dello studio sull’incidenza del diabete nei bambini.

Mayer-Davis e colleghi hanno scoperto che il diabete di tipo 1 è in aumento dell’1,8 per cento l’anno. L’aumento è stato significativamente maggiore per i bambini ispanici, al 4,2 per cento l’anno. Che rispetto al 1,2 per cento per i bambini bianchi, i risultati hanno rivelato.

I fattori sottostanti l’aumento non sono del tutto chiari, ha detto.

Anche se molti meno bambini hanno il diabete di tipo 2, la malattia sta aumentando più velocemente nel tipo 1. Tra il 2002 e il 2012, il tasso di diabete di tipo 2 è aumentato 4,8 per cento l’anno. L’aumento annuale del diabete di tipo 2 nei bambini neri è stata del 6,3 per cento. Negli asiatici, l’aumento annuo è stato dell’8,5 per cento, e per i nativi americani, era quasi il 9 per cento, i ricercatori hanno scoperto.

“L’aumento dell’incidenza di diabete di tipo 2 è probabilmente correlato principalmente agli aumenti di sovrappeso e obesità in gioventù, anche se questo non è l’unica ragione”, ha detto Mayer-Davis. professore di nutrizione e medicina presso l’University of North Carolina, Chapel Hill.

Il secondo studio ha esaminato tutte le persone registrate nella banca dati nazionale svedese del diabete dal 1998 al 2012. La banca dati contiene i di quasi 37.000 persone con diabete di tipo 1 e più di 457.000 con diabete di tipo 2. Questi pazienti sono stati confrontati con persone simili senza diabete (il gruppo di “controllo”).

I ricercatori hanno visto che il 40 per cento dei diabetici di tipo 1 aveva una più alta riduzione delle malattie cardiache e ictus rispetto ai controlli appaiati. Nelle persone con diabete di tipo 2, un 20 per cento vedeva maggiore calo di malattie cardiache e ictus rispetto al gruppo di controllo, lo studio ha mostrato.

Quando si trattava di decessi durante il periodo di studio, le persone con diabete di tipo 1 hanno avuto riduzioni simili nel numero rispetto ai controlli. Le persone con diabete di tipo 2, tuttavia, hanno avuto riduzioni minori di decessi rispetto al gruppo di controllo, i ricercatori hanno scoperto.

Anche con questi miglioramenti, le persone con entrambi i tipi di diabete hanno ancora molto più alti tassi complessivi di morte prematura e malattia cardiaca rispetto ai gruppi di controllo, gli autori dello studio indicano.

“Crediamo che i cambiamenti osservati nel nostro studio molto probabilmente riflettono una combinazione di progressi nella cura clinica per i pazienti con diabete”, ha detto l’autore dello studio il dottor Aidin Rawshani, operante nell’Istituto di Medicina presso l’Università di Göteborg, in Svezia.

“Forse il più importante è una migliore gestione dei fattori di rischio cardiovascolare”, ha detto. Queste cause di rischio includono l’alta pressione sanguigna, colesterolo anormale, segni di danno renale precoce e scarso controllo della glicemia. Ha detto che il trattamento dell’alta pressione sanguigna  con farmaci  che abbassano il colesterolo probabilmente contribuisce al miglioramento.

Entrambi gli studi sono stati pubblicati 13 aprile nel New England Journal of Medicine