Vista e dintorni

Diabete Tipo 1? A me gli occhi please…

Meno esami e una migliore salute degli occhi? Lo trova uno studio sul diabete tipo 1: vediamo di capire che dice?

Regolare la frequenza degli esami agli occhi per le persone con diabete di tipo 1 in base al rischio di gravi problemi la vista si tradurrebbe in un minor numero di controlli oculistici e costi inferiori con una diagnosi più rapida e il conseguente trattamento avanzato della retinopatia, che altrimenti può portare alla perdita della vista. I risultati, pubblicati il 19 aprile nel New England Journal of Medicine, sono gli ultimi da uno studio in corso finanziato per più di 30 anni dal National Institutes of Health.
Per sviluppare le nuove proposte di screening, i ricercatori hanno analizzato circa 24.000 esami della retina ottenuti nell’arco di tre decenni da circa 1.400 partecipanti al controllo del Diabetes and Complications Trial e il suo follow-up, sull’Epidemiologia del Diabete Interventi e Studi sulle Complicanze (DCCT / EDIC). Gli scienziati del DCCT / EDIC hanno scoperto che le persone con tipo 1 diabete dovrebbero ottenere visite oculistiche per rilevare la retinopatia diabetica in base al loro rischio, piuttosto che sulla, calendario annuale automatico che viene attualmente raccomandato. La  retinopatia diabetica è la principale causa di cecità tra gli adulti in età lavorativa.
“I risultati potrebbero far risparmiare tempo e denaro oltre a ottenere migliori risultati”, ha detto il dottor Catherine Cowie, che sovrintende DCCT / EDIC presso il NIH, finanziatore primario dello studio. “I risultati di questo tipo di punto di riferimento nello studio del diabete 1 informano su di un approccio di medicina di precisione, in cui il trattamento è su misura per l’individuo.”
Diversi grandi gruppi di medici raccomandano attualmente esami oculistici annuali di routine, cominciando da tre a cinque anni dall’esordio del diabete, per le persone con di tipo 1, una condizione in cui l’organismo non produce insulina. La retinopatia diabetica si verifica quando il diabete danneggia il tessuto sensibile alla luce nella parte posteriore dell’occhio. I ricercatori DCCT / EDIC suggeriscono una nuova strategia di screening, più efficiente in base alla presenza e gravità della retinopatia. Per le persone con diabete di tipo 1 una media di glucosio nel sangue (HbA1c)  con livello del 6 per cento, i ricercatori raccomandano il seguente calendario d’esame degli occhi:
In assenza di retinopatia, ogni quattro anni.
Con la retinopatia lieve, ogni tre anni.
Con retinopatia moderata, ogni sei mesi.
Con grave retinopatia, ogni tre mesi.
I ricercatori hanno anche suggerito che le persone con più elevati livelli medi di glucosio nel sangue (ad esempio, 8-10 per cento, contro il 6 per cento) debbano fare gli esami della vista più spesso, in quanto sono a rischio più elevato di sviluppare malattie degli occhi.
Nel complesso, i ricercatori hanno trovato che il nuovo, programma individualizzato comporterebbe una diagnosi precoce della retinopatia avanzata che richiede un trattamento per salvare la visione più efficace  rispetto agli  esami annuali, mentre allo stesso tempo riduce la frequenza delle visite oculistiche . Oltre i 20 anni, il nuovo calendario si tradurrebbe in otto esami in media, una riduzione superiore al 50 per cento nei controlli degli occhi rispetto ad ora. La riduzione della frequenza di esame potrebbe abbassare i costi dello screening di circa $ 1 miliardo in 20 anni.
“Questo nuovo programma di screening basato sull’evidenza si centra sulla presa delle fotografie del fondo dell’occhio, piuttosto che l’esame fisico con un oftalmoscopio. La fotografia retinica è un metodo comunemente usato e ampiamente disponibile per rilevare malattie degli occhi ed è pensato per essere più preciso rispetto al solo esame fisico nella rilevazione diabetica delle malattie degli occhi “, ha detto il dottor David M. Nathan, delDCCT / EDIC e primo autore della carta. “Sono necessari ulteriori studi per sapere se la nuova strategia di screening proposta sia applicabile al diabete di tipo 2”. Nathan dirige il centro del diabete presso il Massachusetts General Hospital di Boston.
“Il passo successivo è per i risultati che saranno discussi e potenzialmente incorporati in linee guida mediche per la cura delle persone con diabete di tipo 1”, ha detto Cowie.