Reni

Nuovi biomarcatori aiutano a predire gli esiti della nefropatia diabetica

Il 5×1000 destinato a Diabetici Insieme A Bologna – DIA.BO Firma nel riquadro “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale…” Inserisci sotto la firma il nostro codice fiscale 91391860375.

Una complicazione comune del diabete di tipo 2 si verifica quando la filtrazione renale è danneggiata, portando ad un accumulo anomalo di proteine ??nell’urina e riduzione della funzione renale. Questa condizione, chiamata nefropatia diabetica, può portare ad insufficienza renale irreversibile che è attualmente difficile da prevedere. Un team di ricercatori guidato dal professore di medicina Dr. Chirag Parikh in collaborazione con il del gruppo  Icahn del Mount Sinai Hospital ha recentemente fatto passi che potrebbero portare a una migliore capacità diagnostica e piani di trattamento per questa condizione.

Utilizzando campioni nel sangue hanno misurato tre specifiche proteine (TNFR-1, TNFR-2, e KIM-1) di pazienti diabetici . Le proteine testate sono state associate con declino della funzione filtrazione renale. I risultati hanno mostrato che ogni proteina era indipendentemente associata a un maggior rischio di declino della funzione renale nei pazienti sia con precoce che avanzata nefropatia diabetica .

Questi risultati sono promettenti per l’uso potenziale di queste proteine ??come biomarcatori nel prevedere la progressione della malattia renale nei diabetici, nonché per valutare l’efficacia delle terapie della malattia negli studi clinici.