Tecno

I risultati degli esami illustrati dal medico diabetologo robot

Daniel Morrow

Naturalmente trattasi di un prototipo, anche se in alcuni casi la cosa potrebbe sembrare reale: la visualizzazione e refertazione dei nostri esami per il diabete spiegati da un medico virtuale su di portale online ti lascia perplesso?

Immaginate come sarebbe diverso se foste in grado di vedere da video un medico che vi spiega i risultati degli esami del sanguea in parole povere, e usando la grafica per confrontare i vostri risultati con i punteggi ideali e sapere i rischi che avete di  subire un attacco cardiaco, ictus o altre gravi condizioni di salute.

Un medico generato al computer, ora in fase di sviluppo, spiega il risultati degli esami di laboratorio del diabete e colesterolo per aspiranti pazienti in video progettato per la visualizzazione su portali elettronici da impiegare in telemedicina.

L’agente sanitario elettronico, come viene chiamato nel progetto in fase di sviluppo- è stato pensato in collaborazione dagli scienziati dell’Università dell’Illinois Beckman Institute per la Scienza e la Tecnologia avanzata. L’obiettivo del progetto è quello di rendere la cartella clinica elettronica più utile e coinvolgente per i pazienti, gli adulti più anziani in particolare con i più bassi livelli di alfabetizzazione sanitaria.

“Il dialogoespresso dall’agente computerizzato è simile a quello che si avrebbe durante una visita medica di routine in ambulatorio”, ha detto il co-autore il Dr. William Schuh, chief information ufficiale medico al Carle. “I video sono destinati a completare, non sostituire, l’interazione medico-paziente, promuovendo la comprensione dei pazienti delle loro condizioni di salute e comportamenti nell’autogestione della cura.”

“Da un lato dello schermo, avete i vostri punteggi dei test incorporati nella grafica, e dall’altro lato, si ha il medico che ti dice che cosa questo significa, ad esempio, ‘è elevato Il colesterolo LDL, e questo non va bene, perché comporta un rischio “, ha detto l’autore, il psicopedagogista Daniel Morrow. “Se nel complesso, i risultati del test indicano un alto livello di rischio per la malattia cardiovascolare è necessario venire a parlare con noi e sviluppare un piano per affrontare questi problemi.”

I portali sanitari per i pazienti sono spesso sottoutilizzati, in particolare dagli anziani, perché questi sistemi tendono a visualizzare i dati e non possono necessariamente fornire chiarimenti o altre informazioni, Schuh ha detto.

“I portali per pazienti hanno davvero un grande potenziale per l’espansione della cura centrata sull’individuo perché forniscono agli assistiti un accesso immediato alle informazioni sul loro stato di salute, trattamenti e farmaci,” ha detto Morrow. “Tuttavia, il modo in cui portali sono in genere progettati rappresenta una sfida per chiunque, ma sono particolarmente problematico per gli adulti più anziani che possono avere meno familiarità con la tecnologia.”

l’alfabetizzazione numerica tende a diminuire con l’età e, facendo tabelle di interpretazione coi dati numerici più impegnativo per gli anziani si può rendere il risultato migliorabile. Alcuni medici hanno anche espresso la preoccupazione che i portali elettronici possono aumentare, piuttosto che diminuire, i carichi di lavoro dei clinici perché alcuni pazienti restano confusi durante la visualizzazione dei risultati e chiamano i loro medici in ambulatorio per avere aiuto nell’interpretazione dei referti, secondo lo studio.

“Perché gli adulti più anziani è spesso dall’auto-gestione delle malattie croniche che potrebbero trarre i maggiori benefici con l’accesso ai risultati dei test e alle informazioni sulla salute e gli aspetti educativo-motivazionali”, ha detto Schuh.

In due studi pilota del progetto, gli adulti più anziani di età compresa 65-89 interpretano i ruoli di pazienti, la visualizzazione o l’ascolto di messaggi in cui l’agente computer spiega ipotetici risultati dei test e i rischi della malattia. In seguito, i pazienti vengono testati sulla livello di comprensione delle informazioni presentate e se hanno trovato il materiale utile.

Un medico in pensione ha registrato gli script per i messaggi del portale paziente e i testi necessari per sviluppare il commento dell’agente computerizzato, inoltre i ricercatori hanno anche esplorato se la sintesi della memoria dei pazienti ricompresa nelle informazioni mediche differiva a seconda che l’agente parlasse con voce naturale o parlato generato dal computer.

La valutazione e analisi sulla capacità dei partecipanti di comprendere e ricordare il contenuto dei messaggi è stata accurata, indipendentemente da quale voce fosse stata impiegata dal computer. I ricercatori hanno trovato che i partecipanti preferivano la voce dal suono naturale.

Morrow ha detto che il sistema ha ancora una lunga strada da fare prima che approdi alla realizzazione nell’impiego quotidiano con i pazienti.

Lo studio e pubblicato sul Journal of Biomedical Informatics.