Complicanze varie/eventuali

Negli anziani con diabete di tipo 1 la neuropatia alimenta angoscia e depressione

Negli anziani con diabete di tipo 1 di lunga data, la neuropatia è il più forte predittore di angoscia e depressione, indipendentemente dalla presenza di sintomi dolorosi, secondo i risultati di uno studio pubblicato in Journal of Diabetes and its Complications.
“La neuropatia diabetica ha dimostrato di essere collegata in modo indipendente a una ridotta qualità della vita, angoscia e depressione – specialmente nei pazienti più anziani – anche se i meccanismi guida di questa interazione non sono del tutto chiari,” lo afferma Johnny-Wei Bai, MD, del Lunenfeld-Tanenbaum Institute al Mount Sinai Hospital di Toronto, e colleghi ricercatori. “Studi precedenti hanno suggerito che la sintomatologia dolorosa associata a neuropatia sensoriale contribuisce a risultati psicologici negativi. Tuttavia, alcune prove dimostrano che scarsi risultati psicologici nella neuropatia da fattori non-dolorosi, come un restringimento della qualità della vita, la percezione dei sintomi e il trattamento dell’imprevedibilità, i cambiamenti nella percezione di sé sul sociale. Chiarire il legame tra la neuropatia e le sequele psicologiche potrebbe consentire una gestione più completa della neuropatia diabetica.”

Wei e colleghi hanno analizzato i dati di 323 adulti canadesi con diabete di tipo 1 da almeno 50 anni che partecipano allo studio sulla longevità nel diabete di tipo 1 effettuato tra aprile 2013 e dicembre 2014 (età media, 65 anni; durata media del diabete, 54 anni; 43,8 % uomini; HbA1c media, 7,5%). I partecipanti allo studio hanno completato un questionario che comprendeva una valutazione su angoscia e depressione tramite le aree problematiche nel diabete in scala, e la Geriatric Depression Scale (GDS), rispettivamente. 

Nella coorte, 207 (69,5%) avevano la retinopatia, 137 (42,4%) neuropatia, 113 (36,5%) nefropatia, 95 (29,4%) avevano disturbi cardiovascolari e 31 (9,8%) una malattia vascolare periferica.

Tra i partecipanti con neuropatia, i ricercatori hanno osservato una maggiore prevalenza di disagio (9,5% vs 3,3%; p = 0,029) e depressione (24,9% vs 6,5%; p < 0,001) rispetto a quelli senza neuropatia. Dopo aggiustamento per le complicanze del diabete, la neuropatia è stato associata con punteggi più alti. 

“Il nostro studio dimostra che più anziani canadesi con diabete di tipo 1, per almeno 50 anni hanno complessivamente bassi tassi di prevalenza di angoscia e depressione, ma il sottogruppo di pazienti con neuropatia diabetica sintomatica – a prescindere dalla sintomatologia dolorosa – tengono livelli sostanzialmente più alti di sintomi depressivi e difficoltà ,”hanno scritto i ricercatori. “Questi risultati supportano uno screening della salute mentale più intenso e la gestione multidisciplinare dei pazienti anziani con diabete di lunga data con neuropatia diabetica.”

“Abbiamo bisogno di determinare le strategie per identificare e gestire stress e la depressione, oltre l’uso di farmaci per contrastare il dolore,” Bruce A. Perkins MD , MPH , FRCP, professore associato e ricercatore clinico presso l’Istituto di politica sanitaria, gestione e valutazione presso l’Università di Toronto, ha detto dichiarato. “Riteniamo che le sperimentazioni cliniche sulla neuropatia necessitano di considerare l’angoscia come misura di esito clinicamente significativa.”