Batticuore

Una dato allarmante: metà dei pazienti ipertesi non fa la terapia

I ricercatori dell’Università di Manchester, Regno Unito hanno scoperto che più di un terzo delle 1.400 persone con pressione sanguigna alta non prendono i farmaci prescritti..

La pressione alta è il più importante fattore di rischio per la salute e di morte prematura a livello globae, e anche se il trattamento è dimostrato di essere efficace, il bersaglio terapeutico per la pressione arteriosa viene raggiunto solo nel 40-50% dei pazienti. Questo rischia di essere in gran parte causato da un elevato numero di pazienti che non assumono i loro farmaci correttamente o affatto.

Gli scienziati hanno usato una tecnica di spettrometria di massa per esaminare i campioni di sangue e urine di quasi 1.400 persone nel Regno Unito e Repubblica Ceca.

Essi hanno scoperto che la non adesione ai farmaci antipertensivi era alta al 41,6% nel Regno Unito e il 31,5% nella Repubblica Ceca. Inoltre, ad ogni prescrizione aggiuntiva, il tasso di non-aderenza aumentava del 85% e 77% rispettivamente.

Il professor Maciej Tomaszewski presso l’Università di Manchester, che ha condotto lo studio, ha detto: “Abbiamo il sospetto che alcuni pazienti non stanno prendendo i loro farmaci in maniera regolare, ma questa analisi dimostra quanto la percentuale sia elevata.

“Chiaramente, più farmaci antipertensivi sono prescritti, maggiore è il rischio che i pazienti non li prendano regolarmente. Abbiamo anche visto che i diuretici sono particolarmente ignorati”.

I risultati di questa analisi, mostrano che quattro semplici parametri raccolti: l’età dei pazienti, il sesso, il il livello di abbassamento della pressione sanguigna dei farmaci e diuretici insieme è  in grado di fornire una buona misura del rischio che si ricava dalla mancata assunzione regolare dei farmaci.

I ricercatori ritengono che in futuro si possano sviluppare formule ancora migliori per stimare il rischio di non prendere i farmaci antipertensivi, senza la necessità di analisi dell’urina / sangue.

Ciò sarà particolarmente utile nei paesi con risorse limitate, come ha spiegato il professor Tomaszewski. “Non tutti i paesi avranno sufficiente esperienza e la capacità finanziaria di investire nella tecnologia che stiamo usando.”



Categorie:Batticuore, Terapie

Con tag: