Ricerca

Nuove speranze per le ferite a lenta guarigione

I microRNA sono interessanti strutture bersaglio per nuovi agenti terapeutici. Possono essere bloccati attraverso antimiR sintetici. Tuttavia, ad oggi non è stato possibile utilizzarli a livello locale. I ricercatori della Università Goethe di Francoforte hanno ormai raggiunto con successo questo obiettivo nel trattamento per la guarigione della ferita alterata con l’aiuto della luce antimiR-inducibile.

I microRNA sono piccoli frammenti genici che legame su strutture bersaglio in cellule e in questo modo impediscono alcune proteine ??da formare. In quanto svolgono un ruolo chiave nella comparsa e la manifestazione di varie malattie, i ricercatori hanno sviluppato i cosiddetti antimiR, che bloccano la funzione microRNA. Lo svantaggio di questo approccio è, tuttavia, che il blocco può portare ad effetti collaterali durante l’intero sul corpo dal microRNA che svolge funzioni diverse nei vari organi. I ricercatori della Università Goethe di Francoforte hanno ormai risolto questo problema.

I gruppi di ricerca guidati dal professor Alex Heckel e professor Stefanie Dimmeler del Cluster di eccellenza Francoforte hanno sviluppato complessi macromolecolari antimiR, che possono essere attivati in modo molto efficace su un’area locale limitata utilizzando la luce di una specifica lunghezza d’onda. Per questo scopo, gli antimiR stati bloccati in una gabbia di molecole sensibili alla luce che si disintegrano appena vengono irradiati con radiazione luminosa di una specifica lunghezza d’onda.

Come mezzo per testare l’effetto terapeutico di questi nuovi antimiR, i ricercatori hanno scelto microRNA-92a come struttura bersaglio. Questo è frequente nei pazienti diabetici con una lenta guarigione delle ferite. Hanno iniettato gli antimiR nella gabbia fotosensibile nella pelle di topi e poi rilasciato l’agente terapeutico nel tessuto con l’aiuto della luce. Insieme, i gruppi di ricerca sono stati in grado di dimostrare che l’attivazione di un individuato antimiR contro microRNA-92a aiuta le ferite a guarire.

“Oltre a questi risultati, che dimostrano per la prima volta come la guarigione della ferita può essere migliorata utilizzando gli antimiR per bloccare microRNA-92a, i nostri dati confermano anche come la funzione microRNA-92a viene inibita a livello locale. Gli altri organi, come il fegato, non sono stati colpiti “, dice il professor Stefanie Dimmeler, sottolineando il significato clinico delle prove.

I ricercatori ora vogliono vedere se possono anche ampliare l’uso di antimiR luce-inducibile per il trattamento di altre malattie. In particolare, vogliono esaminare se antimiR tossici possono attaccare i tumori a livello locale.