Ricerca

Una nuova ricerca potrebbe aiutare a sviluppare farmaci per migliorare i problemi cardiovascolari nei diabetici

Una ricerca pubblicata su Experimental Physiology dimostra che i cambiamenti indotte battito cardiaco dal diabete sono regolati principalmente dai ?1-adrenocettori. Questa scoperta, una volta confermata negli esseri umani, può portare a un migliore trattamento dei problemi cardiaci nei pazienti diabetici consentendo lo sviluppo di farmaci più mirati.

Pubblicità e progresso

I pazienti con diabete di tipo 2 possono avere problemi con la regolazione del loro battito cardiaco. Il battito cardiaco è in parte regolata dai recettori chiamati beta-adrenergici. Ci sono due forme diverse, il ?1 e ?2, e ciascuno ha una funzione diversa. Lo studio ha trovato che le variazioni indotte dal diabete nel battito cardiaco sono prevalentemente regolate dai ?1-adrenocettori, e non dai ?2-adrenergici.

I blocchi di ormoni beta-bloccanti blocchi come l’adrenalina possono essere usati per diminuire la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa nel trattamento di condizioni come angina o la pressione alta. Alcuni beta-bloccanti non sono efficaci nel ridurre il battito cardiaco dei diabetici e possono addirittura peggiorare i livelli di glucosio nel sangue dei pazienti. Non è noto quale tipo beta è responsabile di questi effetti. Questo studio suggerisce che i beta-bloccanti rivolti ai ?1-adrenocettori sarebbero più efficaci per i diabetici.

I ricercatori hanno impiantato due dispositivi in un modello murino di diabete. Il primo dispositivo di misurazione della pressione sanguigna e battito cardiaco, e il secondo dispositivo di farmaci che riducono il battito cardiaco di mirano ai beta-adrenergici iniettati. Questo approccio ha permesso ai ricercatori di distinguere tra i contributi dei due differenti beta-adrenergici (?1 e? 2).

Regis Lamberts, autore corrispondente ha detto, ‘Questo studio fornisce una visione romanzo patologica della disregolazione della frequenza cardiaca nel diabete di tipo 2. Questo potrebbe aiutarci a sviluppare farmaci per i problemi cardiaci migliori per i diabetici ‘.



Categorie:Ricerca, Terapie

Con tag:,,