Ricerca

Diabete Formula Indy

Vi ricordate di Charlie Kimball?

La Michigan State University è la prima ad aiutare un pilota automobilistico professionista con diabete di tipo 1 a migliorare le sue prestazioni durante la competizione 500 Miglia di Indianapolis.

Lo studio si è concentrato sul pilota automobilistico di 31 anni Charlie Kimball, ma le implicazioni potrebbe estendersi ben al di là della corsa e aiutare altri atleti di livello con i compiti e carichi derivanti dalla malattia.

“La nostra ricerca si è concentrata sul monitoraggio di tutte le variabili per la salute di Charlie legati al suo diabete al fine di aiutarlo a diventare un atleta più potente,” ha detto David Ferguson, autore principale dello studio che ha lavorato con Kimball negli ultimi sei anni.

“Anche se il nostro studio è stato adattato per le corse, l’idea dello zucchero nel sangue a livelli ottimali potrebbe davvero estendersi a qualsiasi atleta con il diabete e contribuire a gettare le basi affinché tutti i diabetici si impegnino in sport competitivi basati sui nostri dati.”

Kimball, uno dei due piloti IndyCar con diabete di tipo 1 si colloca nella elite dei piloti a livello mondiale per questo genere di competizione, e deve prendere in considerazione molto più misure di sicurezza rispetto alla maggior parte degli altri piloti quando si mette al volante.

“Il monitoraggio dello zucchero nel sangue è uno delle più evidenti precauzioni qualcuno uno come Charlie ha bisogno di mantenere costantemente traccia dello stato glicemico di prima di salire in pista”, ha detto Ferguson. “Se il suo zucchero nel sangue è troppo basso, può prendere anche lui tempo per prendere la decisione giusta. Se il suo zucchero è troppo alto, il suo tempo di reazione può andare bene, ma è probabile che stia  facendo aumentare scelta sbagliata.”

Oltre a identificare i livelli di zucchero nel sangue, lo studio controlla altri fattori fisiologici tra cui la composizione corporea, la forza, il fitness cardiovascolare e quanta forza G il suo corpo è in grado di gestire.

“I piloti sono sottoposti a una maggiore forza gravitazionale durante la gara”, ha detto Ferguson. “Il sangue può depositarsi nelle gambe durante la performance in pista ad alta forza G e compromettere le prestazioni.”

Aiutando Kimball nel gestire la sua salute e monitorare molti dei fattori ambientali che deve affrontare durante la gara, Ferguson ha detto che la ricerca ha messo Charlie nella top 10 per cento della forma fisica degli atleti che ha testato. E anche a lui  è data la possibilità di competere alla pari con gli altri.

“Tecnicamente, dal momento che Charlie non ha un pancreas funzionante, tutti gli altri piloti hanno un vantaggio su di lui”, ha detto Ferguson. “Semplicemente lo abbiamo messo su un piano di parità.”

Ferguson presenterà lo studio al meeting annuale della American College of Sports Medicine, il 31 maggio.