Reni

Dei reni da donatori diabetici ne possono beneficiare molti candidati al trapianto

Reni

Un nuovo studio indica che la ricezione di reni da donatori con il diabete possono offrire un maggiore beneficio di sopravvivenza per chi rimane in lista d’attesa per il trapianto. I risultati, che appaiono nel prossimo numero del Clinical Journal of American Society of Nephrology ( CJASN ), possono aiutare ad affrontare la carenza di organi in crescita.

Poiché la domanda di reni da donatori defunti aumenta, i medici e i candidati al trapianto di rene hanno bisogno di una migliore informazione sui rischi associati all’uso dei reni da donatori ad alto rischio, ad esempio quelli provenienti da soggetti con diabete per informarli e decidere se accettare questi organi.

Jordana Cohen, MD, MSCE (Perelman School of Medicine presso l’Università della Pennsylvania) ha effettuato uno studio osservazionale su 437,619 candidati donatori per il trapianto di rene e dal reperimento di organi sul database Transplantation Network negli Stati Uniti, tra cui 8101 donatori diabetici e 126,560 non diabetici. I ricercatori hanno valutato il rischio di morire dopo il trapianto con i reni da donatori diabetici rispetto rimanente sulla lista d’attesa di trapianto di rene del paziente.

Tra pazienti trapiantati che sono stati seguiti per una media di 8,9 anni, il tasso di mortalità è stato di 35 morti per 1000 persone-anno. (Una persona-anno è il numero di anni di follow-up, moltiplicato per il numero di persone nello studio.) Rispetto ai pazienti che sono rimasti in lista d’attesa o aspettavano un rene da un donatore non diabetico, i pazienti che hanno ricevuto un rene del donatore diabetico aveva un rischio inferiore del 9% di morire nel corso dello studio. I candidati al trapianto di rene che erano ad alto rischio di morire, in lista d’attesa, in particolare presso i centri con i tempi medi di attesa più lunghi, hanno beneficiato maggiormente dal trapianto con i reni da donatori diabetici. Naturalmente resta l’eccezione:  i reni di donatori diabetici di scarsa qualità non forniscono alcun beneficio di sopravvivenza. Inoltre, i giovani candidati al trapianto di rene (di età inferiore ai 40 anni) non beneficiano del trapianto con donatore di reni diabetico.

“Siccome la malattia renale è diventato sempre più comune negli Stati Uniti nel corso degli ultimi decenni, la necessità di reni donati supera di gran lunga il numero di quelli disponibili. Di conseguenza, i reni di qualità più poveri sono sempre più utilizzati come un modo per cercare di ridurre i tempi di attesa di trapianto e, quindi, ridurre il numero di persone che muoiono in attesa di un trapianto di rene “, ha detto il dottor Cohen.

In un editoriale di accompagnamento, Richard Formica Jr., MD (Yale University School of Medicine) ha osservato che lo studio fornisce dati importanti per sostenere l’uso di reni da donatore deceduto che rischiano di essere scartati. “Tuttavia, per quanto importante è questo risultato, si rende necessario vederlo nel contesto del problema più complessivo di fronte alla comunità di nefrologia che lotta per curare i pazienti con malattia renale allo stadio terminale [ESRD].”

Fornito da: American Society of Nephrology