Complicanze varie/eventuali

Guarire le ferite con la terapia cellulare

I pazienti diabetici hanno spesso lesioni ai piedi che sono molto difficili da curare a causa della cattiva circolazione del sangue. Un nuovo approccio terapeutico, presentato recentemente nel Journal of Investigative Dermatology dai ricercatori canadesi Hospital Research Center (CRCHUM), presso l’Università di Montreal potrebbe impedire queste complicazioni, promuovendo la guarigione della ferita.

La soluzione non è quello che ci si potrebbe aspettare: non si tratta solo di un’altra pomata antibiotica o farmaci di prescrizione. L’approccio ad essere diverso, un modo per guarire attraverso la medicina personalizzata. “Abbiamo scoperto una maniera per modificare specifici globuli bianchi – i macrofagi – e renderli in grado di accelerare la guarigione cutanea”, ha spiegato Jean-François Cailhier nefrologo, un ricercatore del CRCHUM e professore presso l’Università di Montreal.

Ènoto da tempo che i macrofagi svolgono un ruolo chiave nel normale processo di guarigione delle ferite. Questi globuli bianchi specializzati in importanti processi di disinquinamento cellulare sono essenziali per la riparazione dei tessuti; essi ne accelerano la guarigione, pur mantenendo un equilibrio tra le reazioni infiammatorie e anti-infiammatore (pro-riparazione).

Spiega Cailhier. “Abbiamo scoperto che il comportamento dei macrofagi può essere controllato in modo da spostare l’ago della bilancia verso la riparazione delle cellule per mezzo di una proteina speciale chiamata Milk Fat Globule Epidermal Growth Factor-8, o MFG-E8.”

La squadra di Cailhier per prima ha dimostrato che quando c’è una lesione cutanea, MFG-E8 richiede una reazione anti-infiammatoria e pro-riparatrice nei macrofagi. Senza questa proteina, le lesioni guariscono molto più lentamente. Poi i ricercatori hanno sviluppato un trattamento che parte dal trasferimento di cellule adottive al fine di amplificarne il processo di guarigione.

Il trasferimento di cellule adottive consiste nel trattare il paziente utilizzando le proprie cellule, che vengono raccolte, trattate, poi ri-iniettate al fine di esercitare la loro azione su un organo. Questa strategia immunoterapeutica di solito è usato per il trattamento di vari tipi di cancro. Questa è la prima volta in cui viene dimostrata l’utilità mediante la riprogrammazione delle cellule per facilitare la guarigione della pelle.

La bellezza di questa terapia è che il paziente (in questo caso il topo) non è esposto alla proteina stessa. Infatti, come spiega Dr. Cailhier, “se dovessimo iniettare la proteina MFG-E8 direttamente nel corpo ci potrebbero essere effetti, distanti dalla ferita, su tutte le celle che sono sensibili a MFG-E8, il che potrebbe portare ad un eccesso la riparazione della pelle causando dei cheloidi, cicatrici aberranti di fatto. Il vantaggio principale, di questo trattamento, è che noi amministriamo solo cellule riprogrammate, e troviamo che queste sono in grado di creare l’ambiente necessario per accelerare la formazione di cicatrici. abbiamo infatti scoperto il potenziale incredibile dei macrofagi per rendere la guarigione possibile dalla semplice trattamento ex vivo “.

Ciò che ora resta da fare è quello di testare il trattamento personalizzato utilizzando cellule umane. Successivamente, l’obiettivo sarà quello di sviluppare un programma di terapia cellulare umana per i pazienti diabetici e per le vittime di ustioni gravi. Ci vorranno diversi anni di ricerca prima che questa fase possa essere raggiunta.

Questo trattamento personalizzato avanzato potrebbe anche fare la differenza nel trattamento di casi di ferite difficili. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il diabete colpisce l’8,5% della popolazione mondiale, e i tassi di amputazione degli arti inferiori sono da 10 a 20 volte superiore nei pazienti diabetici. “Se saremo in grado di riuscire a chiudere le ferite con questo trattamento e promuovere la guarigione delle ulcere diabetiche, potremmo di evitare le amputazioni”, ha detto il dottor Cailhier.