Ricerca

Diabete Tipo 1: L’equipe del prof. Camillo Ricordi porta a casa un importante risultato verso l’indipendenza dalle iniezioni di insulina


Miami, Florida – Gli scienziati del Diabetes Research Institute (DRI) presso l’Università di Miami Miller School of Medicine hanno prodotto i primi risultati clinici che dimostrano come le cellule delle isole pancreatiche trapiantate all’interno di una piattaforma tissutale possono innestare e raggiungere l’indipendenza con successo dalle iniezioni di insulina nel diabete tipo  1. I risultati, pubblicati nel numero del 11 maggio  del New England Journal of Medicine, fanno parte di uno studio clinico in corso per testare questa nuova strategia come un passo importante verso  una terapia di sostituzione cellulare che cambi la vita a milioni di persone che vivono con la malattia.

Il trapianto di isole ha dimostrato la capacità di ripristinare la produzione di insulina naturale ed eliminare ipoglicemia grave nelle persone con diabete di tipo 1. Le cellule che producono insulina sono stati tradizionalmente impiantate all’interno del fegato, ma questo sito di trapianto pone alcune limitazioni per le applicazioni emergenti, portando i ricercatori a indagare altre opzioni. Gli scienziati del DRI sono concentrati sull’omento, un tessuto a grembiule che copre gli organi addominali, ed è facilmente raggiungibile con la chirurgia minimamente invasiva e ha lo stesso apporto di sangue e caratteristiche di drenaggio fisiologiche come il pancreas.

“L’obiettivo di testare questa piattaforma tissutale  è quello di determinare inizialmente che le cellule produttrici di insulina possono funzionare in questo nuovo sito, e, successivamente, di introdurre tecnologie aggiuntive verso l’obiettivo finale di sostituire la funzione endocrina del pancreas perso nel diabete di tipo 1, senza la necessità di farmaci anti-rigetto, quello che noi chiamiamo il DRI BioHub “, spiega Camillo Ricordi, MD, direttore del DRI e Stacy Joy Goodman Professore di Chirurgia, Professore di Medicina, Professore di Ingegneria biomedica, Microbiologia e Immunologia presso l’Università di Miami Scuola Miller. Il professor Ricordi serve anche come direttore del Centro trapianto di cellule del DRI.

Questo è stato il primo successo tissutale che il “mini pancreas”  ha raggiunto con l’indipendenza di insulina a lungo termine in un paziente avente il diabete di tipo 1. La piattaforma biologica è stato realizzato combinando isole del donatore con il proprio (autologo) plasma sanguigno, tramite laparoscopia stratificata sul omento. La tecnica è stata progettata per minimizzare la reazione infiammatoria che viene normalmente osservata quando gli isolotti sono impiantati nel fegato o in altri siti con contatto immediato al sangue. La sperimentazione clinica del DRI  è un primo passo importante verso lo sviluppo del mini BioHub , inclusivo del  regime immunosoppressivo attualmente utilizzata per gli studi clinici nel trapianto di isole.

“I risultati finora hanno dimostrato che l’omento sembra essere un luogo vitale per l’impianto di isolotto utilizzando questa nuova tecnica”, ha detto l’autore David Baidal, MD, assistente professore di medicina e membro del team di trapianto di cellule clinica del DRI. “I dati del nostro studio e il follow-up a lungo termine di ulteriori trapianti di isole omentali determinerà la sicurezza e la fattibilità di questa strategia di trapianto di isole, ma siamo molto entusiasti di quello che stiamo vedendo ora.”

Nel diabete di tipo 1, le cellule che producono insulina del pancreas sono  erroneamente distrutte dal sistema immunitario, e richiede ai pazienti di gestire i loro livelli di zucchero nel sangue attraverso un regime quotidiano di terapia insulinica. il trapianto di isole ha permesso a molti pazienti di vivere senza la necessità di iniezioni di insulina, dopo aver ricevuto un trapianto di cellule da donatore. Alcuni pazienti che hanno ricevuto i trapianti di isole al DRI sono stati resi insulino indipendenti per più di un decennio.



Annunci

Categorie:Ricerca

Con tag:,,