Complicanze varie/eventuali

Adulti con diabete tipo 1 ridotti all’osso

Il diabete di tipo 1 legato alla diminuzione areale, della BMD  (densità minerale ossea)e  volumetrica trabecolare

Gli adulti con diabete di tipo 1 hanno una diminuzone areale della densità minerale ossea, e volumetrica trabecolare (osso spugnoso) della densità minerale ossea e ridotta dimensione corticale (osso compatto)  rispetto agli adulti senza diabete, secondo i risultati pubblicati nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Charlotte Verroken, MD, del gruppo per l’osteoporosi e malattie del metabolismo osseo, Dipartimento di Endocrinologia presso Ghent University Hospital in Belgio, e colleghi hanno valutato 64 adulti con diabete di tipo 1 (età media 41,1 anni; 38 uomini) e 63 per sesso ed età controlli-abbinati per confrontare i parametri ossei areali e volumetrici e la geometria osso corticale tra di loro.

La DXA è stata utilizzata per valutare i parametri ossei d’area e TC quantitativa periferica è stata impiegata per valutare i parametri ossei volumetrici e la geometria dell’osso corticale.

Abbassamento nel contenuto minerale osseo e areale BMD a livello del corpo totale ( P <.001), del collo del femore ( P = .001) e dell’anca ( P = 0,006) sono stati trovati tra i partecipanti con diabete di tipo 1 rispetto ai partecipanti senza diabete di tipo 1 . I partecipanti con diabete di tipo 1 avevano 10,4% maggiore superficie trabecolare al radio distale, 8.8% inferiore trabecolare BMD volumetrica al radio distale, 2,1% superiore corticale BMD volumetrica all’albero radiale, 5% inferiore BMD volumetrica totale all’albero radiale, 6.1 % più grande circonferenza endossea, 5,6% più piccolo spessore corticale e il 6% con un più basso rapporto dell’area corticale/totali rispetto ai controlli.

“Questo studio ha dimostrato che, oltre ai deficit noti [areale] BMD e trabecolare [volumetrico] BMD, i pazienti adulti con diabete tipo 1 si presentano con un deficit delle dimensioni osso corticali, in particolare caratterizzato da un simile circonferenza periostale ma più grande endosseo rispetto ai soggetti non diabetici,” hanno scritto i ricercatori. “Queste differenze nella geometria ossea non possono essere spiegate da differenze nella composizione corporea o turnover osseo, ma possono essere associate con la variabilità glicemica e con un elevato contenuto di grassi nel midollo osseo in soggetti con diabete di tipo 1. Dato l’importante contributo della geometria ossea sul rischio complessivo di frattura, ipotizziamo che il deficit di dimensioni dell’osso corticale può contribuire ad aumentare il rischio di fratture associato ad diabete di tipo 1.