Terapie

L’automonitoraggio domestico della glicemia non ha migliorato il controllo glicemico dopo un anno nei diabetici tipo 2 che non fanno insulina

L’auto-monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue in pazienti con diabete di tipo 2 che non sono trattati con insulina non ha migliorato il controllo glicemico o la salute connessi alla qualità della vita dopo un anno in uno studio randomizzato, risultati suggeriscono che l’autocontrollo non dovrebbe essere di routine in questi pazienti, secondo un nuovo studio pubblicato da JAMA Internal Medicine. Lo studio è stato presentato alla 77 ° American Diabetes Association Scientific Sessions – San Diego – CA.

Molti pazienti con diabete di tipo 2 non trattati con insulina effettuano regolarmente l’auto-monitoraggio della glicemia (SMBG), anche se il valore di tale pratica è stato messo in discussione.
Katrina E. Donahue, MD, MPH, e Laura A. Young, MD, Ph.D., della University of North Carolina a Chapel Hill, e coautori hanno condotto uno studio in 15 pratiche di cure primarie in North Carolina con 450 pazienti non trattati con insulina di diabete tipo 2. I pazienti avevano una età media di 61 anni, e il diabete con media di otto anni, e il 75 per cento eseguivano regolarmente SMBG al basale.
I pazienti sono stati assegnati ad uno dei tre gruppi: quelli che non fanno SMBG, coloro che eseguono SMBG una volta al giorno, e quelli che fanno SMBG una volta al giorno, e che ricevono un riscontro circa i miglioramenti ottenuti con il diabete tramite i messaggi emessi dai glucometri in dotazione. 
I ricercatori hanno misurato la emoglobina A1c (una misura di controllo della media dello zucchero nel sangue più a lungo termine) in tutti e tre i gruppi e la salute connessa qualità della vita dopo un anno.
Secondo i risultati, non vi erano differenze nel controllo glicemico e la salute connessa alla qualità della vita dopo un anno tra i pazienti che hanno eseguito SMBG rispetto a coloro che non hanno fatto.
L’attrito nei gruppi di monitoraggio SMBG potrebbe spiegarsi in quanto alcuni miglioramenti sono stati inizialmente osservati nei livelli di emoglobina A1c sui primi mesi, ma che non erano significativi a 12 mesi, secondo lo studio. Inoltre, non si è trovata l’efficacia dell’SMBG in alcune situazioni cliniche, come ad esempio quando viene avviata una nuova terapia farmacologica oppure c’è un cambio di posologia della stessa. 
Gli autori mettono in guardia: i risultati non si applicano ai pazienti diabetici trattati con insulina.
“Sulla base di questi risultati, i pazienti ed i clinici dovrebbero avviare un dialogo sul SMBG, poiché con l’evidenza attuale si suggerisce che non dovrebbe essere di routine per la maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2 non insulino-trattati”, conclude l’articolo.