Tecno

Monitoraggio continuo glicemico: dove stanno i problemi? Una interessante indagine made in USA da San Diego

Pubblicità e progresso
Pubblicità e progresso

I medici e operatori sanitari sono e restano un fattore chiave per rendere disponibili i pazienti ad adottare la tecnologia avanzata per la terapia e controllo del diabete.

Pubblicità e progresso

“L’adozione della tecnologia CGM (monitoraggio continuo glicemia) è basso rispetto al microinfusore per insulina e non viene così rapidamente adottato come si prevedev anni fa,” Molly L. Tanenbaum, PhD, una psicologia borsista post-dottorato presso la Stanford University School of Medicine, ha detto durante una presentazione . “Sappiamo che il CGM porta benefici oggettivi, come aumento del tempo nel range di riferimento, diminuzione degli eventi ipoglicemici e una migliore qualità della vita.”

Per comprendere meglio il ruolo degli operatori sanitari nell’adozione e problematiche circa l’accesso e continuità operativa della tecnologia per il diabete, Tanenbaum e colleghi hanno esaminato 209 tra medici e specialisti sanitari che trattano pazienti con tale malattia: 47% erano infermieri, il 22% dietologi, il 15% erano endocrinologi e il 16% educatori del diabete certificati; 92% erano donne, il 59% erano di età superiore a 49 anni e il tempo medio di anzianità di servizio, in pratica, era di 14 anni. Gli operatori sono stati invitati a rispondere se la tecnologia facilitava il loro operato, se hanno avuto il tempo per tenere il passo con i cambiamenti nella tecnologia e di aiutare i pazienti in clinica con i dispositivi e i dati raccolti. 

I ricercatori hanno descritto che il 39% degli intervistati come è ancora pronto ad incoraggiare i pazienti ad adottare il CGM. Tale gruppo ritiene che il CGM non apporti benefici ai loro pazienti. Hanno riferito di aver avuto troppo poco tempo per utilizzare i dati CGM con i loro pazienti in clinica. Questo gruppo ha anche evidenziato le difficoltà a tenere il passo con le nuove tecnologie. Solo il 18% dei loro pazienti usa CGM, la maggior parte dei loro pazienti era affetto da diabete di tipo 2, e gli stessi operatori hanno in carico pazienti adulti in stragrande maggioranza anziché pediatrici o giovani.

Il 20%  degli intervistati ha indicato che erano pronti ad adottare le nuove tecnologie per il diabete e crede nell’uso CGM e del suo beneficio per i pazienti. Hanno riferito di aver avuto abbastanza tempo per aiutare i pazienti con la tecnologia e revisione dei dati. Circa il 33% dei loro pazienti utilizzano CGM; hanno avuto la più alta percentuale di pazienti con diabete di tipo 1 e il loro mix di assistiti erano in prevalenza  in età pediatrica che giovani adulti.

L’altro 41% degli intervistati sono stati designati come “prudente” nell’adottare la tecnologia del diabete. Circa il 30% dei loro pazienti stava usando CGM. Hanno trattato diabetici e adulti di tipo 1 e di tipo 2 così come i bambini.

“Quello che si è distinto su questo gruppo era il loro principale ostacolo fosse derivato dalle difficoltà di “comprendonio” dei loro pazienti all’uso del CGM”, ha detto Tanenbaum. “Se avessero dei modi per superare queste barriere, potremmo potenzialmente vedere un cambiamento dei tassi di assorbimento CGM.”

Questi operatori hanno riferito che i pazienti diventerebbero “nervosi” per fare affidamento sulla tecnologia: i pazienti non amano indossare dispositivi e temono circa il loro malfunzionamento in corso d’opera.

“Mentre lavoriamo per affrontare gli ostacoli dei pazienti, e capire meglio come gli strumenti lavorano con loto, vogliamo fare in modo di essere in grado di allineare  medici ed e pazienti in modo che siamo sulla stesso pezzo per superare barriere e difficoltà“, ha detto Tanenbaum.



Pubblicità e progresso