Terapie

Uromodulina si mostra come una promessa per la stratificazione del rischio, la previsione di malattia renale e aterosclerosi con il diabete tipo 1

SAN DIEGO – In un nuovo studio, i livelli sierici di uromodulina erano fortemente associata al rischio per la malattia del rene incidente diabetica e aterosclerosi coronarica in adulti con diabete di tipo 1.

Bjornstad e colleghi hanno esaminato la relazione tra siero di uromodulina e lo sviluppo di albuminuria (albumina-creatinina urinaria rapporto 30 mg / g), malattia renale cronica (CKD; stimato velocità di filtrazione glomerulare <60 ml / min / 1,73 m 2 ) e calcio arteria coronarica (CAC, il cambiamento nella  radice quadrata trasformato il volume CAC 2,5; valutati da 128-scivolo tomografia computerizzata a spirale) oltre 12 anni nella calcificazione coronarica in uno studio sul diabete tipo 1.

“V’è la necessità di nuovi biomarcatori per predire il rischio di malattie renali diabetica e malattia coronarica mentre la condizione è ancora clinicamente silente”, ha detto Bjornstad.

Egli ha osservato che l’uromodulina – nota anche come proteina di Tamm-Horsfall – è “la proteina più abbondante trovata nelle urine umane” uromodulina è nota per le sue proprietà antimicrobiche, e la ricerca recente ha dimostrato proprietà anti-infiammatorie con un’associazione al il rischio CKD, afferma.

“Il rapporto tra uromodulina e nefropatia diabetica e malattia coronarica nel diabete di tipo 1 rimane poco chiaro”, ha detto.

In totale, lo studio ha incluso 539 adulti con diabete di tipo 1. Al basale, l’età media era di 40 anni, valore intermedio di HbA1c è stato del 7,7% e la durata media del diabete era di 25 anni.

Nel complesso, la progressione CAC è stata osservata nel 49% degli adulti con diabete di tipo 1, incidente CKD a 10,4%, in diminuzione eGFR nel 7% e elevata escrezione di albumina nel 6%, Bjornstad detto qui. Quando i ricercatori hanno stratificato loro analisi della progressione CAC, quelli che avevano una progressione CAC tendevano ad essere più anziani e con inferiore concentrazioni di uromodulina, eGFR inferiore al basale, più alta pressione sistolica e una maggior durata del diabete di tipo 1.

Siero uromodulina al basale era associata a progressione CAC (OR = 0,66; 95% CI, 0,47-0,94), albuminuria incidenti (OR = 0,27; 95% CI, 0,11-0,65) e incidente CKD (OR = 0,39; 95% CI, 0,2-0,76) in modelli aggiustati.

Ogni aumento 1-SD in uromodulina al basale conferito quote inferiori per incidente CKD, incidente elevato albuminuria, declino eGFR rapida e progressione CAC in modelli aggiustati, Bjornstad detto.

Inoltre, quando uromodulina è stato aggiunto al modello di base che includono fattori di rischio tradizionali, come l’età e il sesso, oltre a obiettivi ABC della American Diabetes Association (A1c, pressione sanguigna, colesterolo), Bjornstad ha detto che ha migliorato l’integrazione dei dati (IDI) e riclassificndo correttamente 27% dei casi di progressione CAC e il 24% dei casi di CKD.

I ricercatori stanno attualmente misurando i livelli di uromodulina nelle visite di follow-up per esaminare i cambiamenti longitudinali. Bjornstad e colleghi stanno anche lavorando con il gruppo Diabetes Longevity Study in Canada per convalidare questi risultati in una coorte separata.



Categorie:Terapie

Con tag:,