Terapie

Mi prendi per il naso? A che punto sta il glucagone nasale?

Per molti diabetici bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia) rappresentano  un grave rischio per la salute, ma i ricercatori riferiscono che una nuova polvere nasale inverte rapidamente gli effetti di questa condizione pericolosa.

Il Mio Diabete aveva già trattato l’argomento qualche tempo fa vedi:

Eli Lilly ottiene i diritti per il glucagone endonasale da Locemia Solutions

Glucagone via spray nasale una via più veloce per far aumentare lo zucchero nel sangue nei diabetico con una forte ipoglicemia

Una tale soluzione si somministra quando il diabetico con ipoglicemia è in stato di incoscienza, i ricercatori evidenziano.
La polvere nasale contiene glucagone, l’ ormone dice al corpo di rilasciare gli zuccheri memorizzati, che generalmente invertono l’episodio di ipoglicemia nel sangue. Il glucagone è attualmente disponibile solo in forma iniettabile e deve essere miscelato prima di essere iniettato.
“I famigliari o chi segue il diabetico possono avere paura di utilizzare la forma iniettabile. Ma il 95 per cento dei tutor trova il glucagone nasale molto facile da usare”, ha detto  il dottor Elizabeth Seaquist a capo dello sviluppo della ricerca. Lei dirige la divisione del diabete, endocrinologia e metabolismo presso l’Università del Minnesota.
Seaquist è anche consulente per la Eli Lilly and Co., che prevede di rendere di rendere fisponibile glucagone nasale; L’azienda produce anche i kit di glucagone iniettabili. Lo studio è stato finanziato da Lilly e Locemia, la società che ha originariamente sviluppato il glucagone nasale.
 L’ipoglicemia, si verifica quando i livelli di zucchero nel sangue si abbassano troppo. Questo può accadere quando qualcuno con il diabete prende troppa insulina (un ormone che permette al corpo di utilizzare lo zucchero dal cibo per l’energia). Può anche accadere se qualcuno non mangia abbastanza o fa molta attività fisica o più a lungo del previsto.
Senza abbastanza zucchero, il corpo e il cervello non possono funzionare normalmente.
La mancanza di zucchero nel sangue può causare vertigini, fame, confusione, visione offuscata, sudorazione, difficoltà a parlare e irritabilità, insieme ad altri sintomi.
Per il trattamento dell’ipoglicemia, il diabetico ha bisogno di bere acqua con diluite dentro due bustine a titolo esemplificativo.  La continua mancanza di zucchero nel sangue può causare disorientamento, convulsioni, perdita di coscienza e persino la morte. Se i sintomi non regrediscono, o la persona è troppo disorientata per mangiare o bere, di solito viene dato il glucagone o portato subito al pronto soccorso o chiamato immediatamente il 118, 112.

Per valutare il glucagone nasale di nuova concezione, i ricercatori hanno dato le persone con diabete di tipo 1 un dispositivo nasale da utilizzare quando hanno avuto un episodio di ipoglicemia.
“Il glucagone nasale è una polvere secca caricata in un piccolo dispositivo. Sembra un inalatore nasale, ma più piccolo. Lo può usare, un familiare o una badante e una volta estratto dal contenitore, lo mette nel naso e spinge il fondo il filtro … E sarà assorbito attraverso il naso nel sangue “, ha spiegato Seaquist.
Dr. Cristina Guzman, un autore di studio e consulente medico senior per Eli Lilly, ha aggiunto, “I pazienti non devono respirare o inalare, ciò lo rende facile da usare.”
Nello studio, 69 persone hanno 157 episodi d’ipoglicemia che sono stati trattati con glucagone nasale. I loro livelli di zucchero nel sangue variavano da 22 a 74 milligrammi per decilitro (mg / dl) di zucchero nelsangue. Un livello al di sotto di 70 mg / dL o sotto è la misura di partenza dello stato ipoglicemico secondo l’American Diabetes Association.
Nel 96 per cento degli episodi, i livelli di zucchero nel sangue tornano alla normalità entro 30 minuti, lo studio rileva. Gli effetti collaterali sono stati simili al glucagone iniettabile, tra cui nausea e vomito. La polvere nasale ha causato anche una certa irritazione nasale e mal di testa. Questi effetti collaterali tendono a durare un’ora o meno, lo studio evidenzia.
Lilly spera di presentare il glucagone nasale alla US Food and Drug Administration nel 2018, secondo il Chad Grothen, un responsabile della Eli Lilly. 
I risultati dello studio sono stati presentati ieri nel corso del meeting dell’American Diabetes Association a San Diego.