Vista e dintorni

Riprodurre la retinopatia diabetica in un chip

Circa l’80% di tutti gli input sensoriali sono ricevuti tramite gli occhi, così quanti soffrono di malattie retiniche croniche risciano di essre portati alla cecità, la quale determina una diminuzione significativa della qualità della vita (QOL). Le malattie della retina sono più comuni tra gli anziani e in chi soffre di diabete: lo sviluppo di analisi patologiche e trattamenti per le malattie della retina è diventato un problema urgente nei paesi a super-invecchiamento come il Giappone.

Sebbene valutazione dei farmaci candidati all’impiego contro le malattie della retina è fatto su modelli animali, sorgono una serie preoccupazioni per quanto riguarda l’etica ed i costi, oltre alle limitazioni di conversione dei dati dai modelli animali ai contesti clinici.
I modelli di colture cellulari in vitro, in alternativa ai modelli animali, permettono ai ricercatori di studiare specifiche molecole semplicemente ricapitolando le condizioni complesse e croniche. Sebbene studi su organo in chip per la scoperta di farmaci è stata solo di recente ampiamente eseguita, l’approccio sui tessuti organico oculari on-a-chip e raramente investigato.
Un gruppo di ricerca congiunto dalla Scuole di Dottorato di Ingegneria e Medicina presso l’Università di Tohoku ha ricapitolato una condizione patologica delle malattie della retina su un chip. Gli scienziati hanno prima coltivato cellule retiniche e cellule vascolari endoteliali umane, imitando la struttura più esterna della retina.
Quando le cellule retiniche sono stati esposti a condizioni di ipoglicemia e ipossia dopo che le stesse sono cresciute, le cellule endoteliali si sono trovate a migrare al lato delle cellule retiniche danneggiate. Questo processo ricapitola parzialmente neovascolarizzazione nella degenerazione maculare legata all’età (AMD).
Il gruppo di ricerca ritiene che lo sviluppato di organi-on-a-chip potrebbe essere utilizzato per la modellazione della malattia e lo screening dei farmaci come alternativa ai modelli animali.

Studio pubblicato su Scientific Reports