Terapie

Glucagone a bassa dose efficace per ipoglicemia da lieve a moderata nel diabetico di tipo 1 adulto

Negli adulti con diabete tipo 1 di lunga durata che hanno una ipoglicemia da lieve a moderata, il trattamento con “mini-dosi” pronte per l’uso di glucagone iniettabile per via sottocutanea è una sicura, efficace alternativa al trattamento con i carboidrati per via orale, secondo i risultati di uno studio randomizzato incrociato.

“Molte persone con diabete di tipo 1, in particolare quelle sotto il controllo metabolico stretto, sperimentano una ipoglicemia lieve su una base quotidiana o quasi quotidiana per i quali il trattamento consiste in carboidrati per via orale che generalmente hanno successo”, Morey W. Haymond, MD, professore di medicina e pediatria al Baylor college of Medicine di Houston, e colleghi hanno scritto. “Tuttavia, il trattamento coi carboidrati si traduce spesso in iperglicemia, spingendo alla somministrazione di insulina supplementare, il che può può portare a un’altra ipoglicemia in più. Così, riprendere il controllo glicemico può richiedere ore.”

Haymond e colleghi hanno analizzato i dati di 16 partecipanti con diabete di tipo 1 reclutati da cinque centri all’interno della Clinica nella rete T1D Exchange con una nuova sperimentazione di farmaci tesa ad ottenere l’approvazione da parte della FDA (età media, 39 anni; il 75% delle donne; durata media del diabete, 23 anni; media HbA1c, 7,2%). Tra i partecipanti si è utilizzato il monitoraggio continuo del glucosio, la terapia con microinfusore (senza uso della funzionalità di sospensione causa ipoglicemia) e con esperienza di almeno tre letture di glucosio nel sangue inferiore a 70 mg / dL per più di 2 settimane, misurate tramite CGM. Durante i due randomizzati, periodi di 3 settimane, i partecipanti hanno utilizzato sia un’iniezione di mini-dosi glucagone (G-Pen Mini, Xeris Pharmaceuticals) o pastiglie di glucosio orale (Dex4) quando si verificava una glicemia tra 50 mg / dL e 69 mg / dL . Il trattamento è stato di 150 mcg di glucagone o 16 g di glucosio in tavolette, a seconda del periodo di studio; il  trattamento è stato raddoppiato quando i partecipanti hanno sperimentato una glicemia tra 40 mg / dL e 49 mg / dL. La glicemia è stato nuovamente verificata tramite un misuratore di glucosio 15 minuti dopo auto-somministrazione della dose. Informazioni sul ipoglicemia (sintomi, cause e trattamento) sono state descritte dai partecipanti in tempo reale utilizzando la piattaforma Glooko tramite smartphone, utilizzando l’applicazione mobile Joslin HypoMap su misura per lo studio. Il successo del trattamento è stata definito con una glicemia di almeno 50 mg / dL 15 minuti dopo il trattamento e almeno 70 mg / dL 30 minuti dopo l’intervento.

Durante lo studio, 118 eventi sono stati analizzati con una glicemia iniziale tra 50 mg / dL e 69 mg / dL. I criteri di successo nel trattamento  sono stati raggiunti per 58 (94%) di 62 eventi durante il periodo glucagone mini dosi e per 53 (95%) di 56 eventi durante il periodo tavolette glucosio (adjusted P = .99). La valutazione clinica del successo per questi eventi è stata del 97% durante il periodo glucagone mini-dose e il 96% durante il periodo di pastiglie di glucosio.

Non vi erano differenze tra i gruppi per CGM-misurazione time-in-range di 70 mg / dL a 180 mg / dL durante le 2 ore dopo episodi ipoglicemici, ma il trattamento con compresse di glucosio ha determinato una massima glicemica più elevata (116 mg / dL vs 102 mg / dL; P = .01) sulla prima ora, secondo i ricercatori.

Nel questionario finale sul test i diabetici hanno espresso simpatie e antipatie sulla penna glucagone, i ricercatori hanno notato diversi commenti ricorrenti da parte dei partecipanti, tra cui le note circa il disagio sul sito di iniezione, avversione per fare iniezioni in pubblico e rilevando che, a differenza del consumo di carboidrati, il glucagone non ha causato un picco di glucosio nel sangue.

Studio pubblicato su: Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism