Ricerca

Diabete tipo 2: un cambio di paradigma nel trattamento secondo i ricercatori

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte nel mondo e aggravate dal diabete di tipo 2, ma i regimi di trattamento terapeutico per il diabete tendono a concentrarsi principalmente sulla mantenimento dello zucchero nel sangue in “bolla”. Questo approccio comune per la gestione del diabete tipo 2 può lasciare i pazienti a rischio di infarto e ictus. Ma i risultati di quattro recenti studi clinici randomizzati suggeriscono come l’uso di farmaci che offrono il controllo del glucosio, riduce il rischio di malattie cardiovascolari e potrebbe apportare miglioramenti nei risultati del paziente.

“Forti prove fornite dai quattro recenti studi pubblicati negli ultimi 2 anni nel New England Journal of Medicine hanno dimostrato che alcuni dei moderni agenti terapeutici disponibili che controllano la glicemia contribuiscono a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”, ha detto Faramarz Ismail-Beigi, MD, PhD, professore di Medicina presso la Case Western Reserve University e endocrinologo presso la University Hospitals of Cleveland Medical Centre e Louis Stokes Cleveland VA Medical Center. “Sulla base di questa evidenza, proponiamo di spostarci dal nostro paradigma precedente con la sua attenzione centrata sul controllo della glicemia e emoglobina A1c, ad un controllo della glicemia, più prevenzione delle malattie cardiovascolari e morte per queste cause.” L’emoglobina A1c è un test comunemente usato per determinare la media dei livelli di zucchero nel sangue di un paziente negli ultimi 2-3 mesi.

Ismail-Beigi ha aiutato a condurre tre dei quattro studi clinici, e lui con i suoi collaboratori hanno recentemente rivisto i risultati dei test nel Journal of General Internal Medicine . Nelle prove, ciascuna di esse ha testato un farmaco che abbassa lo zucchero nel sangue – pioglitazone, empagliflozin, liraglutide, o semaglutide –  reclutando pazienti con malattia cardiaca o ictus. L’obiettivo era quello di determinare se i farmaci fossero al sicuro, ma in ogni studio, i ricercatori sono stati sorpresi di trovare che partecipanti con o a rischio di diabete di tipo 2 avevano sperimentato miglioramenti cardiovascolari.

“Per la prima volta abbiamo visto i farmaci ipoglicemizzanti migliorare gli esiti cardiovascolari”, ha detto Ismail-Beigi. “È altamente possibile che agenti più recenti in queste classi di farmaci, usati singolarmente o in combinazione, risulteranno essere più efficace nella gestione del diabete di tipo 2 e la prevenzione delle malattie cardiovascolari, anche in pazienti alle prime fasi del processo patologico.”

Precedenti studi focalizzati su di un stretto controllo della glicemia non hanno mostrato grandi benefici cardiovascolari per i pazienti diabetici. “Un rigoroso controllo dei livelli del glucosio nel sangue ha mostrato minore, se del caso, effetto positivo sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari”, ha detto Ismail-Beigi. “In effetti, una grande studio clinico finanziato dal NIH sulla gestione del diabete tipo 2 non è riuscito a dimostrare che uno stretto controllo dei livelli di glucosio nel sangue avesse effetti positivi sui risultati o mortalità cardiovascolare, e in effetti, può essere dannoso.”

I nuovi risultati dello studio potrebbero aiutare ad affrontare un grande dilemma per i medici alla ricerca di modi per controllare le malattie cardiache e ridurne la mortalità, mentre allo stesso tempo migliorare la gestione della glicemia nei pazienti con diabete di tipo 2.

Ha detto Ismail-Beigi, “La nostra recensione si concentra sulla necessità di un cambiamento di paradigma su come dovremmo pensare la gestione del diabete di tipo 2. Credo che richiederà un ripensamento degli obiettivi e degli approcci da comitati che redigono le linee guida. Speriamo anche che la FDA possa prendere in considerazione l’approvazione di nuovi farmaci per la gestione del diabete di tipo 2 non solo in base al loro profilo di sicurezza ed efficacia per controllare il glucosio nel sangue, ma anche se il farmaco riduce la mortalità generale e  quella cardiovascolare correlata “.