Donne e diabete

La chetoacidosi diabetica comporta un rischio per il feto durante e dopo la gravidanza

La chetoacidosi diabetica (DKA) durante la gravidanza comporta un rischio per il feto sia durante che dopo l’evento, secondo la ricerca pubblicata online il 12 giugno in Diabetes Care.

Fritha JR Morrison, MPH, dalla Tulane University di New Orleans, e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo di coorte che ha riguardato le gravidanze tra il 1996 e il 2015 con almeno un evento DKA nelle donne con diabete di tipo 1. I dati sono stati inclusi per 77 eventi DKA in 64 gravidanze tra le 62 donne.

I ricercatori hanno scoperto che i ricoveri per unità causati da morte fetale, parto prematuro , e terapia intensiva neonatale (CIN) si sono verificati nel 15,6, 46,3 e 59 per cento delle gravidanze, rispettivamente. Nel 60 e il 40 percento dei casi, la morte fetale si è verificata al momento o entro una settimana dalla DKA e tra uno e 11 settimane dopo DKA, rispettivamente. Il rischio di morte fetale era significativamente aumentato con l’ammissione in unità di terapia intensiva materna (ICU) e maggiore osmolalità del siero durante l’evento DKA. Il fumo in maternità e più alti livelli di emoglobina A1c pre-DKA sono correlati ad un aumentato rischio di parto pretermine. Più alto rischio di terapia intensiva neonatale in ammissione è stato visto con il fumo in gravidanza, preeclampsia durante la gravidanza, più alto gap anionico durante l’evento DKA, e parto pretermine.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare metodi efficaci per la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo della DKA in gravidanza per ridurre il rischio di morte fetale e di altri esiti avversi fetali,” scrivono gli autori.