Terapie

Grundol diab

Il diabete – sia di tipo 1, malattia autoimmune incurabile, che di tipo 2, una malattia sovente legata allo stile di vita e che può essere invertita o curata – sono tra le patologie i più rapida crescita a livello diagnostico in tutto il mondo. Non trattato può produrre condizioni pericolose per la vita e portare alla morte. Quindi non è sorprendente che l’establishment medico sta aumentando risorse per impiegare nuovi metodi nella gestione della malattia.

La tecnologia sta giocando un ruolo di primo piano. Il diabetico di tipo 1 tende ad essere sempre più cablato oggi con sensori Bluetooth e software personalizzato che lo sta trasformando in una sorta cyborg virtuale con la consapevolezza circa la chimica del proprio corpo che le persone normali non riescono a eguagliare.

Prima di proseguire un breve riassunto sul diabete, se non avete familiarità con la patologia. Quando si mangia cibo, questo viene suddiviso in tre categorie di base: carboidrati, grassi e proteine. I carboidrati, che si trovano principalmente nei prodotti vegetali, si suddividono nel nostro sistema digestivo in uno zucchero chiamato glucosio. Il glucosio viene trasformato in combustibile per alimentare la nostra mente e muscoli.

Il corpo per mantenere “in bolla” i livello del glucosio nel sangue produce e converte un ormone chiamato insulina, che viene prodotta dalle cellule beta nel pancreas. I diabetici di tipo 1 non ce l’hanno tutti – il loro sistema immunitario distrugge le cellule beta per un motivo ancora sconosciuto. Diabetici di tipo 2 lo producono, ma per qualche motivo è meno efficiente a trasformare il glucosio in energia.

Quando il corpo non riesce a gestire il glucosio, deve ottenere energia da altri posti – per lo più grassi, ma niente è sicuro. Questo porta ad uno stato di chetosi, in cui gli acidi grassi si liberano senza freni. Tali acidi possono causare una grande varietà di danni ai tessuti nervosi.

Così per la vita di un diabetico è fondamentalmente tenere monitoratoo l’ assunzione di carboidrati e quindi fare iniezioni in una quantità adeguata di insulina, sulla base di una serie di formule matematiche complesse abbinate. Troppo poche e si va’ chetosi. Con troppa insulina la glicemia può precipitare verso il basso e portare a coma e morte. Si tratta di una corda tesa delicata con cui convivere ogni giorno.

Gli ultimi decenni hanno visto progressi nel trattamento del diabete che lasceranno a bocca aperta. Per metterli in contesto, cerchiamo di riavvolgere 50 anni o giù di lì e guardare a ciò che il trattamento era e com’è oggi.

Andando indietro nel tempo, un diabetico si svegliava ogni mattina e faceva la pipì in una provetta. Poi faceva una piccola tavoletta in essa che avrebbe cambiato colore per dire se la glicemia era ialta, normale o bassa. Avevamo poi da prendere una singola iniezione di insulina a rilascio di lunga durata che avrebbe fatto per l’intera giornata e sperando per il meglio. Una volta fatta la puntura prendevamo la siringa, la bollivamo sul fornello per sterilizzala e usarla per il giorno successivo.

Inutile dire che l’aspettativa di vita per i diabetici era piuttosto breve. Senza un modo per rilevare gli alti o bassi, i corpi erano in balia di una varietà di fattori e molti morivano anticipatamente.

Quindi c’erano due problemi che affliggevano i diabetici: essere in grado di monitorare lo zucchero nel sangue e di essere in grado di fare la giusta quantità di insulina, né più, né meno.

Il controllo è diventato più facile con l’invenzione del monitoraggio del glucosio nel sangue tramite prelievo dal polpastrello nel 1981. Una goccia di sangue viene introdotta ad un enzima, e quindi una corrente elettrica viene fatta passare attraverso di essa. Il numero di elettroni del campione perde la correlazione con la quantità di glucosio presente nel campione. Questo permette una significativa maggiore precisione, fornendo una rappresentazione numerica dello zucchero nel sangue sul momento del paziente.

Assieme a questo progresso si è accoppiato lo sviluppo di insulina ad azione rapida, per cui i diabetici potevano trattare gli svarioni verso l’alto della glicemia sul momento. La successiva progressione nella cura del diabete ha richiesto a noi  di essere protagonisti attivi nella gestione della terapia, facendo il controllo del glucosio durante il giorno e le modifiche necessarie. Il glucosio controllato mediante prelievo dal polpastrello è preciso ma richiede che il diabetico tale passaggio di controllo ogni volta in cui occorre sapere come va la glicemia (almeno 4 – 6 volte al dì) e funziona solo quando si è svegli. La minaccia rappresentata da bassi livelli degli zuccheri nel sangue durante la notte è molto reale. Una scoperta scientifica accidentale a metà degli anni 1990 ha contribuito a cambiare la vita dei diabetici in tutto il mondo.

I ricercatori stavano facendo sperimenti con il fluido delle cellule del corpo nella pelle e hanno scoperto che rispecchia fondamentalmente il glucosio nel sangue, con un ritardo di 15 minuti di livello. Nel 1999, MiniMed ottiene l’approvazione della FDA per il primo monitor continuo del glucosio – un elettrodo che viene inserito nella pelle di un diabetico e che trasmette una lettura ogni cinque minuti, senza la necessità di prelevare il sangue. Ora i pazienti potevano ottenere il riscontro in tempo reale sulla loro glicemia per tutto il giorno. Quei primi sensori funziionavano per circa tre giorni prima che il sistema immunitario del corpo li respingesse, ma quelli moderni possono andare per una settimana o più prima di essere cambiati.

Il monitoraggio preciso è cosa buona e giusta, ma un diabetico avrebbe ancora bisogno di farsi un’iniezione di portare la glicemia dall’alto verso il basso. Tuttavia, un’invenzione precedente ha reso il processo molto più semplice. Nel 1973, Dean Kamen (inventore del Segway) debutta con primo microinfusore indossabile del mondo, un dispositivo che potrebbe dosare qualsiasi quantità di insulina per un diabetico attraverso una cannula, o piccolo tubo, attaccato al corpo. Questo ha dato ai diabetici ancora più controllo sul loro trattamento, consentendo loro di microdosare e controllare esattamente la quantità di ormone che ricevono.

Le pompe sono progredite in maniera significativa negli ultimi dieci anni, uno – l’OmniPod – non ha bisogno di un tubo esterno, ma si appone direttamente sulla pelle e comunicare in modalità wireless con un dispositivo di controllo. I pazienti che gestiscono diabete con questi dispositivi sono più uniformi e in condizioni migliori con la glicemia, e anche se solo uno su mille diabetici attualmente utilizza una pompa, il numero è in aumento.

Il passo successivo è il “pancreas artificiale”, un dispositivo che combina i due strumenti in uno. Si stanno completando i test clinici e tra poco tempo sarà possibile metterlo. Utilizzando algoritmi complessi, che controllano la glicemia e la trattano allo stesso tempo in un sistema “a circuito chiuso”, anche con la somministrazione di glucosio quando gli zuccheri nel sangue sono troppo bassi (modello bionico). I primi risultati sono incredibilmente positivi. Le pompe e i CGM esistenti debbono essere cambiati regolarmente, ma il sistema segna un significativo passo avanti nel trattamento.

Il futuro del diabete è ancora più emozionante. Le aziende stanno lavorando su insulina che non deve essere iniettata, ma piuttosto viene assorbita attraverso la pelle con una patch reattiva. Google sta collaborando con il produttore di lenti a contatto Alcon su una lente che misura di zucchero nel sangue attraverso l’occhio.

Quindi, se vedete qualcuno in giro con alcune piccole scatole grigie attaccati alle loro braccia o allo stomaco, è altamente probabile che siano armati con un pancreas cyborg, cablato nel cloud per mantenerli in buona salute.